Passa ai contenuti principali

UGL SICILIA: CONDORELLI, NUOVE REGOLE SERVIZIO 118


Approvato dall’ARS l’articolo che ridisegna la gestione del Servizio di emergenza del 118. E’ un risultato storico per la Sicilia – afferma Vincenzo Ginnastica, segretario regionale UGL Sanità – cambia il sistema di governo del 118 nel senso auspicato, da tempo, da UGL.
Una società mista Regione Siciliana e Croce Rossa Italiana gestirà il servizio che sarà qualificato e potenziato con la presenza obbligatoria di personale infermieristico e medico nelle ambulanze. Cambia il sistema di reclutamento – prosegue il dirigente UGL – priorità sarà riconosciuta al personale interno che potrà optare per prestare servizio presso il 118 e solo a seguito di una successiva ricognizione saranno stabilizzati i precari del settore con la garanzia del contratto full-time. L’operazione garantirà il risparmio di gran parte dei 58 milioni di euro utilizzati finora per la copertura della voce straordinario - dichiara Giovanni Condorelli, Segretario Generale UGL SICILIA – attraverso l’utilizzo di una parte che andrà a costituire l’incentivo al personale che opterà per il Servizio di 118 mentre la rimanente sarà utilizzata per la stabilizzazione del personale precario.
E’ il successo di mesi di trattative – conclude Condorelli - ed un plauso va all’Assessore alla Sanità Massimo Russo per avere accolto le nostre istanze, ma anche per aver profuso, nell’azione politica, quell’impegno necessario alla modernizzazione del Servizio del 118, e per aver garantito da un lato il risparmio di parte della spesa pubblica, gettando le basi per la stabilizzazioni di migliaia di lavoratori, e dall’altro l’erogazione di un Servizio capillare, sicuro e qualificato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Collegato. Ugl, da Ars responsabilità per varo norma ex province e Tpl

“Siamo certi che il parlamento siciliano saprà con senso di responsabilità approvare nelle prossime ore la norma che sblocca le risorse per garantire il trasporto pubblico locale siciliano fino al 31 dicembre 2019”. Ad affermarlo Giuseppe Scannella, Segretario regionale Ugl Autoferrotranvieri. “Dopo la corsa ad ostacoli del governo regionale che ha portato alla revisione degli accordi scellerati sottoscritti a perdere dal precedente esecutivo siciliano ed al varo della norma da parte del parlamento nazionale, - prosegue Scannella - adesso tocca all'Assemblea regionale siciliana fare la sua parte per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini ed il rilancio dei territori dell'Isola, avviando i cantieri per gli interventi infrastrutturali”. “La norma, contenuta nel cosiddetto "collegato" in discussione a Sala d'Ercole potrà e dovrà essere votata con immediatezza dai deputati siciliani senza indugi - chiarisce Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicili…

Le RSU SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, UGL TLC incontrano Almaviva, è buio pesto

Il 4 di giugno si è tenuto un incontro tra i sindacati con il collegio RSU ed Almaviva presso la sede di Sicindustria Palermo.  “Visto il persistere della situazione di calo di volumi in generale su tutto il sito ed in particolare sulle commesse Tim e Wind Tre, l’Azienda ha comunicato alle Organizzazioni sindacali ed alle RSU l’apertura unilaterale della procedura finalizzata all’accesso al fondo di integrazione salariale ( assegno ordinario ) per il periodo dal 01 Luglio al 30 Novembre 2019, con percentuali differenziate per commessa, 60% Tim / Wind Tre , 35% tutte le altre commesse, 30% lo staff operativo e trasversale – si legge in una nota congiunta delle RSU SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL e UGL TLC – è stato rappresentato all’Azienda una fortissima contrarietà a questa azione unilaterale per procedere successivamente alla richiesta di esame congiunto previsto dalla procedura in cui entreremo nel merito della comunicazione odierna”.  “Abbiamo sottolineato inoltre – ag…

Per le aziende di Palermo tavoli di crisi in emergenza, Fasola (Ugl): “L’inaspettata crisi di Governo ci ha dato il colpo di grazia”

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione, attraverso la Struttura per le Crisi d’Impresa, strumenti per sostenere le aziende in difficoltà che in Italia oramai si avviano a raggiungere il numero di 200.  Sulla carta appare tutto perfetto, ma non è così!  Con il nuovo Governo ci si aspettava un bagno di umiltà ed una ripartenza con la giusta marcia, tavolo di crisi è un’espressione purtroppo ormai consolidata nella gestione delle crisi aziendali in Italia, ma con risoluzioni pari a zero.  Ricordiamo che sono gestite dal Mise, convocati periodicamente partecipano i dirigenti del ministero incaricati di seguire la politica industriale, i rappresentanti dell’azienda e del sindacato.  Gli incontri si concludono con la definizione di un verbale che tiene conto dello stato dell’arte relativo a procedure di mobilità, riorganizzazione o ristrutturazione.  Situazioni di difficoltà che ormai caratterizzano molti settori dalla siderurgia all'agroalimentare, con le cresc…