Passa ai contenuti principali

04/03/2010 - UTL SIRACUSA: INCONTRO SUL TEMA “ AGITAZIONI E DISTURBI MENTALI



La salute mentale è composta da AMBULATORI TERRITORIALI NEI VARI COMUNI . da un reparto DIAGNOSI E CURA ospedaliero dove si ricoverano i casi urgenti ed i TSO e delle comunità (pubbliche e private) nelle quali vanno le persone malate che non sono gravissime ma non possono andare a casa.... Era previsto un organico di medici psichiatri che comprendeva un Direttore di dipartimento più 3 Responsabili di struttura complessa nei 3 DMS ( Siracusa.- Noto – Augusta – Lentini ) e numerosi psichiatri. Negli ultimi anni 5 psichiatri sono stati presi e messi a creare il reparto d NEurologia (senza sostituirli). Altri sono andati in pensione o deceduti. Altri hanno cambiato servizio , per lo più ammalati per superlavoro che già si era creato. Risultato: oggi sono ridotti all'osso. alcuni di quelli rimasti hanno gravi malattie o limitazioni per cui sono state cancellate alcune reperibilità e L'UNITA' DI CRISI composta da medici ed infermieri che interveniva professionalmente ei casi di Agitazione psicomotoria e TSO. Esclusa la città la reperibilità è stata assegnata ai medici dell'igiene pubblica o dei servizi o delle guardie mediche. PErtanto, se una persona esce di senno chiamano per un trattamento sanitario obbligatorio (TSO) quasi ovunque vanno medici non psichitri che, non sapendo come trattare il malato (che non conoscono) e non conoscendo le malattie, non fanno atro che RICHIEDERE IL RICOVERO. Si hanno cos ricoveri che potrebbero essere evitai CON UN AUMENTO PAZZESCO DEI COSTI PERDEGENZE CHE SI POTREBBERO EVITARE. Inoltre, essendo pochi e super affollati i posti di cui disponiamo in provincia, spesso i poveri malati §(per lo più di classi poco abbienti) finisco a centinaia di km da Siracusa, con enormi costi e disagi per le famigli e che non possono portargli meno le mutande di ricambio o, se lo fanno, si devono sobbarcare enormi spese e disagi. altrimenti il malato, già in fase delicata.. resta anche solo i mezzo a persone che di lui non sanno nulla. ORBENE. COSA FANNO IN QUESTA USL usano i pochi posti per tenere mesi e mesi in ospedale persone... che non ci dovrebbero stare, chiudono o riducono gli ambulatori territoriali ( il povero BASAGLIA si rivolterà nella tomba) ed ospedalizzano tutto. Per non assumere i 10 psichiatri che mancano danno la reperibilità a medici che non hanno alcuna competenza ed aumentano i ricoveri. Un dato per tutti nella provincia di Siracusa il rapporto tra popolazione ricoveri in SDPC è circa 10 volte superiore alla media nazionale !!!! immagina i costi astronomici che sopportiamo e che sottraggono risorse. Ancora: il DSM di Siracusa è in Viale Tica, 39 in locali con enormi barriere architettoniche, in una posizione in cui sostano nello sesso spiazzo decine di tossicodipendenti, e spesso nelle ore pomeridiane un solo medico o infermiere deve fronteggiare i pazienti ed è a forte rischio di eventuali azioni di male intenzionati anche per rubare apprarechiature o farmaci. Con questo seminario vogliamo aprire una vertenza che porti al confronto con l'azienda sanitaria, che faccia rispettare i diritti dei pazienti ad una assistenza qualificata ed organizzata, e garantisca agli operatori di poter lavorare serenamente, non sotto stress ed sopratutto in sicurezza. INCONTRO SUL TEMA “ AGITAZIONI E DISTIRBI MENTALI “ Strategie – Tecniche – Responsabilità ( La tutela del paziente e la difesa dell’operatore ) Salone Borsellino P.zza Duomo SIRACUSA venerdì 5 Marzo ore 16.00. Partecipano: TONINO CANTELMI Responsabile Nazionale psichiatria UGL SALVO CIRIGNOSA Direttore Generale ASP PALERMO MARIA CONCETTA BOLOGNA Resp. Reg.le Aimef Associazione Regionale Mediatori Familiari ANTONIO GALIOTO Segretario Generale UGL SIRACUSA Moderatore PAOLO BONARIO Segretario Regionale UGL Medici.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…