Passa ai contenuti principali

C.I.G. IN DEROGA PER 68 LAVORATORI DI TRIBUTI ITALIA IN SICILIA

Dopo la definizione del verbale di accordo presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali tra la società Tributi Italia SpA, rappresentata dall’Amministratore Unico, Avv. Patrizia Maggese, e per l’UGL Terziario Nazionale, Michele Virgilio, che ha decretato l’avvio della CIG in deroga per 605 dipendenti presenti su tutto il territorio nazionale, di cui 68 in Sicilia, a partire da 15 marzo 2010 con fine il 14 marzo 2011, l’UGL lotta per altri 50 lavoratori siciliani assunti come lavoratori a progetto da circa 5 anni e mai considerati lavoratori dipendenti che rischiano di perdere sia la possibilità degli ammortizzatori sociali in deroga che le mensilità non corrisposte dall’azienda.Per i dipendenti l’accordo prevede l’impegno da parte dell’azienda di saldare la mensilità di ottobre entro il 15 marzo e di fare uno sforzo per saldare le restanti mensilità, novembre, dicembre, gennaio, febbraio e mensilità aggiuntive.Dei cosiddetti CoCoPro nessuno si preoccupa.La Federazione Regionale Terziario dell’Ugl aveva già iniziato da mesi le procedure previste dalla legge, non solo per il recupero delle mensilità non corrisposte, ma soprattutto per il riconoscimento dello status di lavoratore dipendente dei CoCoPro.Per questi lavoratori è necessario fare un excursus storico, poiché iniziano il loro rapporto contrattuale con la società siciliana Ausonia servizi tributari nel lontano 2004, e per alcuni anche prima, nel 2005 la società ligure San Giorgio SpA, acquista l’Ausonia servizi, e questi lavoratori firmano la rinuncia a qualsiasi spettanza riguardo al vecchio contratto, iniziandone uno nuovo con la San Giorgio SpA.Si parla sempre di contratto a progetto che viene rinnovato con scadenza annuale per dipendenti che realmente svolgono il loro lavoro rispettando orari di ufficio ben precisi e riferendosi a responsabili di agenzia in un rapporto chiaramente subordinato.Dal 01/01/2009 viene proposto, come Tributi Italia Spa, azienda nata dalla fusione di Sangiorgio Spa con altre aziende del pugliese (Gestor e IPE), un nuovo contratto di collaborazione rinnovato con cadenza a volte trimestrale e a volte semestrale fino ad oggi.“E’ anche per questi lavoratori che l’UGL-Terziario ha intenzione di lottare per il riconoscimento dei loro diritti, mettendo in evidenza il fatto che troppo spesso in Sicilia anche le aziende del Nord che vengono ad investire, usano forme contrattuali che mortificano il lavoratore costretto ad accettare il più delle volte per il loro sostentamento economico. Inoltre che nasca il caso sulle aziende che si occupano della riscossione e accertamento dei tributi locali, ritengo non sia un male, poiché visto il caso di Tributi Italia SpA, è necessario un maggiore controllo da parte delle istituzioni a garanzia dell’interesse generale.” Il Segretario Regionale dell’UGL Terziario, in data odierna ha chiesto un’Audizione Parlamentare congiuntamente ai Presidenti delle Commissioni II Bilancio, III Attività Produttive e V Cultura, Formazione e Lavoro all’ARS, per affrontare il problema occupazionale che stanno vivendo circa 110 lavoratori siciliani, dipendenti della Tributi Italia Spa, da mesi ormai in gravi difficoltà economiche per le mancate spettanze mensili non corrisposte dalla suddetta azienda, e, soprattutto, senza alcuna prospettiva per il futuro occupazionale.” Ma sulla questione siciliana grava anche la presenza di circa 50 lavoratori a progetto per i quali l’azienda non si è preoccupata di regolare l’effettiva dipendenza ormai da almeno 4 anni e per i quali si rischia di non potere attivare ammortizzatori sociali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…