Passa ai contenuti principali

Di Brunetta ne basta uno ed avanza !

In riferimento all’articolo apparso in data odierna sul Giornale di Sicilia pg 13 vogliamo fare presente al Sig. Caracausi, segretario CISL f.p., che i “privilegi” in questa terra di Sicilia non sono quelli dettati dalla legge 104/92.
A provocare i “dissesti finanziari” dell’Amministrazione regionale, non sono stati certo i 600 dipendenti regionali (su circa 18.000 in servizio di cui 5.500 precari) che in 6 anni sono andati in pensione godendo dei benefici previsti dalla norma in esame, bensì i privilegi di gente che, per dirne una, pur non essendo organica all’Amministrazione Regionale viene inquadrata negli Uffici di Gabinetto regolarmente e “proficuamente” retribuita, o l’esercito dei “precari” che, a seguito di ogni competizione elettorale, il Governo di turno provvede a creare, ingrossando il territorio siciliano di un esercito che dal 1988 ad oggi è pari a 60.000.
Di certo, è che chi usufruisce della legge in questione ha un serio problema di salute alle spalle , tranne poi qualche caso di opportunismo, ma da questo a segnalare il costo che comporta la misura, e, quindi, implicitamente evidenziare uno spreco, è poco edificante per un Sindacato come la CISL che ha lottato negli anni passati, insieme ad altre sigle sindacali, per ottenere l’introduzione di norme di grande civiltà.
Paradossalmente a fronte di 13.850 dipendenti ad oggi dell’Amministrazione regionale, la pianta organica, fissata dall’art.5 comma 1 della legge regionale n.10/2000, ne richiede 16.122.
Vorremmo sentire il Segretario CISL su argomenti più seri (vedi la pensione CROSTA), dove invece tace per non perdere consensi politici.
Ernesto Lo Verso
Segretario Regionale
Federazione Nazionale delle autonomie
Comparto dipendenti regionali

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…