Passa ai contenuti principali

GRUPPO DELTA: PRIMO GRUPPO BANCARIO ITALIANO A RISCHIO LIQUIDAZIONE FORSE COME LEHMAN BROTHERS

"Siamo vicini al primo crack bancario in Italia".Questo è quanto dichiarato dai sindacati di categoria siciliani della Fisac Cgil, Fiba Cisl e Ugl Credito. Sempre per i sindacati "il Gruppo Bancario Delta partecipata Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino, commissariato da dieci mesi in seguito all’indagine Varano che ha visto i suoi vertici accusati di associazione a delinquere, riciclaggio ed esercizio abusivo dell’attività bancaria secondo quanto pubblicato da http://www.libertas.sm/ del 06/05/2009 il commissariamento doveva garantire la continuità aziendale preservando l’occupazione ai900 dipendenti di cui 786 con il contratto del credito più un indotto di 1.500 persone.Sorto nel 2003, il Gruppo Bancario Delta ha visto crescere ogni anno i suoi utili anche grazie all’impegno dei suoi dipendenti, tutti giovani motivati e meritevoli con età media 35 anni.Dall’ultima comunicazione dei commissari di Banca d’Italia del 16 marzo c.a., sarebbe venuta meno la speranza di un salvataggio da parte di Intesa - San Paolo, interessata all’acquisto di una parte del gruppo tra cui Sedicibanca, Bentos Assicurazioni e le reti commerciali Plusvalore e Carifin, con la conseguente messa in stato di crisi della società e l’avvio delle procedure per il licenziamento collettivo. In sindacati aggiungono il tutto avverrà immancabilmente se entro 50 giorni da tale data nessun altro istituto di credito si renda disponibile a un suo acquisto.In Sicilia il Gruppo Bancario Delta è presente con quattro filiali precisamente a Palermo, Bagheria, Caltanissetta e Catania per un totale di 21 persone o meglio 21 famiglie e una rete di agenzie sparse in maniera capillare tra gli altri capoluoghi della regione. Per i lavoratori e la OO.SS. si sta cercando di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica e le rappresentanze politiche non solo del grave disagio che si sta vivendo in seno al Gruppo Delta, ma della gravità di ciò che esso rappresenta. Fino ad oggi sono stati effettuati diversi salvataggi di banche - concludono i sindacati - con il patrocinio di Banca d’Italia per la tutela dell’intero sistema bancario, pertanto la liquidazione della prima banca in Italia potrebbe portare ad avere un precedente senza eguali infatti e opinione diffusa è che si stia trattando di una vera e propria guerra tra stati Italia - San Marino giochi di potere tutto a scapito di 900 famiglie italiane. Di fronte a tale stato di fatto, la risposta dell’Ugl Credito e del sindacato più in generale – conclude Filippo Virzì Dirigente Nazionale – non potrà che passare sia per la mobilitazione permanente dei lavoratori Delta, sia per la richiesta di apertura urgente di un tavolo di confronto tra Banche Centrali, Stato Italiano, San Marino e Fondazione CR San Marino allo scopo di individuare le possibili soluzioni in grado di garantire un futuro lavorativo ai novecento lavoratori Delta e dei 21 lavoratori siciliani.
Valentina Corrao
Area di Staff Ugl Sicilia Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…