Passa ai contenuti principali

INCONTRO SINDACALE CON L’ASSESSORE CHINNICI

A seguito di analoga richiesta congiunta di tutti i sindacati, l’Assessore Regionale alla Funzione Pubblica, Dott.ssa Chinnici ha convocato gli stessi oggi pomeriggio per comunicare le linee programmatiche governative sui rinnovi contrattuali per il Comparto e per la Dirigenza e per discutere sul Disegno di Legge sulla Riforma del Personale.
Desta meraviglia che non sia stata fornito nella riunione alcun documento governativo e che la stessa, nonostante tutto, si sia svolta in un clima cordiale.
Alla fine si è potuto solamente ottenere una calendarizzazione dei prossimi incontri alla
Funzione Pubblica ed alcune informazioni sullo stato dell’arte relativo alla attuazione dei 28
funzionigramma cosi come previsto dal D.P.R.S. n. 12 del 2009.
L’Assessore ha dichiarato che negli ultimi 45 giorni è stata impegnata per la formulazione e la
redazione del disegno di legge sulla trasparenza e semplificazione amministrativa; lo stesso si inserisce nell'ambito dell'attività di riforma dell'amministrazione regionale, che ha già portato, dal primo gennaio del 2010, alla riorganizzazione dei 12 assessorati regionali e dei 28 dipartimenti, in maniera più razionale e moderna.
L'obiettivo principale è lo snellimento e la modernizzazione dell'apparato burocratico della P.A., il
potenziamento della sua capacità ad attrarre investimenti, in un contesto di forte contrasto alla
corruzione e alla criminalità organizzata.
In particolare, allo scopo di accelerare l'iter amministrativo, il termine di conclusione dei
procedimenti e' stato previsto in soli 30 giorni.
Ormai poiché questo disegno di legge è stato approvato dalla Giunta di Governo ed a breve
sarà discusso all’A.R.S., l’Assessore Chinnici pensa che potrà dedicarsi a tempo pieno per affrontare e cercare di risolvere tutte le complesse problematiche del personale Regionale.
Quindi ha previsto per giorno 10 c.m. una riunione dedicata ai rinnovi contrattuali sia del
comparto che della dirigenza, chiedendo al sindacato di fornire suggerimenti e proposte per una celere formulazione delle linee guida propedeutiche ai rinnovi stessi, che saranno trattati prossimamente dall’ARAN Sicilia.
Per venerdì prossimo giorno 11 c. m. ha previsto una riunione per un esame degli articoli del
disegno di legge sulla riforma del personale poiché il Governo desidera fortemente un confronto
costruttivo ed una condivisione più larga possibile con le parti sociali.
Continua però a restare sconosciuto il termine ultimo di presentazione di questo importante
disegno di legge e non sono chiare le concrete possibilità di trattativa e di contrattazione per le linee guida, poiché non è stato fatto alcun cenno relativamente alle dotazioni finanziarie occorrenti per concretizzare i rinnovi contrattuali nell’anno in corso e poiché la Parte Pubblica Datoriale, composta dall’Assessore, dal Capo di Gabinetto e dal DG della Funzione Pubblica, è apparsa in qualche dichiarazione talvolta poco convinta, manifestando delle leggere contraddizioni nel corso della stessa riunione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…