Passa ai contenuti principali

PESCA: UE, SOSTEGNO ALLA PESCA TONNO

Il Coreper, comitato dei rappresentanti permanenti dei ventisette paesi membri dell'Ue, ha raggiunto ieri a Bruxelles un accordo per la messa al bando del commercio internazionale del tonno rosso. L'intesa è stata approvata a maggioranza qualificata, con l'opposizione, in particolare, di Malta. Il tema sarà formalizzato prossimamente dal Consiglio dell'Unione europea, ma il divieto entrerà in vigore solo a dicembre, dopo che la Commissione internazionale per la conservazione dei tonni atlantici, un organismo che riunisce i principali paesi interessati, avrà dato il suo parere tecnico. Inoltre, l'Ue proporrà delle deroghe per la tutela delle modalità artigianali di pesca al tonno nelle acque nazionali dei paesi membri, e la Commissione europea sarà invitata a studiare misure di mitigazione e compensazione finanziaria (che potranno essere sia comunitarie che nazionali) per i pescatori che subiranno le conseguenze della decisione. Nella decisione di oggi si parla anche del corallo: la sua tutela in quanto specie a rischio è opportuna, ma l'Italia ha ottenuto anche in questo caso che siano messe allo studio misure di compensazione per ridurre l'impatto sul settore economico. Entrambi i temi verranno presto sottoposti al Cites, la convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione.
Soddisfazione del sottosegretario alle politiche agricole, alimentari e forestali con delega alla pesca Antonio Buonfiglio per l'approvazione da parte del Consiglio dei rappresentanti permanenti presso la Ue, Coreper, dell’inserimento del tonno rosso nell’appendice 1 del Cites, con le condizioni poste dall’asse costituita dall’Italia, Francia e Spagna. il testo verrà formalizzato dal consiglio il prossimo 12 marzo in vista della conferenza delle parti della Cites prevista a Doha dal 13 al 25 marzo. "Una decisione - sottolinea in un comunicato Buonfiglio - raggiunta grazie al contributo essenziale della delegazione italiana per raggiungere un compromesso che includesse i punti qualificanti della posizione nazionale". "Vale a dire - si legge nella nota - la previsione di deroghe per la pesca effettuata con modalità artigianali, il ricorso a tutte le necessarie misure finanziarie per il comparto, e la condizionalità del mantenimento dell’iscrizione nella Cites alla valutazione dei risultati che verranno definiti dal prossimo ICCAT- Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi, in base a quanto emergerà da una ricerca super partes sullo stato di salute degli stock in mare". “L’accordo, che è stato raggiunto grazie all’appoggio finale anche del Regno Unito e della Germania, che si erano inizialmente opposti alle nostre richieste - spiega Buonfiglio - riprende tutti gli elementi qualificanti della posizione sostenuta dall’Italia unitamente agli altri paesi principalmente interessati (Francia, Grecia e Cipro, oltre alla presidenza spagnola). e non solo: l’Italia ha anche ottenuto una dichiarazione su eventuali misure compensative in relazione alla iscrizione del corallo rosa e rosso nell’allegato II della Cites.
La previsione di deroghe per la pesca del tonno purché effettuata con modalità artigianali e il ricorso a tutte le necessarie misure di mitigazione per il comparto anche attraverso l’introduzione di compensazioni economico-finanziarie a favore dei pescatori – dichiara Giuseppe Messina, Coordinatore nazionale politiche pesca di UGL - è la migliore risposta per il comparto già penalizzato da anni e pone i pescatori nella condizione di trovare ristoro. Nel sottolineare l’incisiva azione del Sottosegretario Buonfiglio sulla delicata vicenda - conclude Messina - occorre pensare ad affiancare misure di politica attiva del lavoro per riqualifica i pescator,i interessati dalle future decisioni del Cites, per garantire loro un futuro occupazionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…