Passa ai contenuti principali

SCIOPERO NUMONYX GIORNO 23



In riferimento all’incontro del 18 marzo presso l’Assessorato all’Industria con il Dott. Venturi, l’UGL Metalmeccanici lamenta la scarsa consapevolezza della vertenza Numonyx da parte dello stesso. Infatti, nonostante le varie informative, le numerose azioni sindacali e il coinvolgimento della Regione Siciliana nel co finanziamento del contratto di programma l’Assessorato, come tra l’altro ha ammesso durante la discussione, non ha piena conoscenza delle aziende di cui si sta discutendo.
Di fatto, durante la riunione, il sindacato ha avuto grosse difficoltà a far recepire le proprie richieste all’Assessore Venturi, in particolare quelle riferite alla salvaguardia della tenuta occupazionale dei dipendenti Numonyx venduti a Micron.
A fronte dei finanziamenti pubblici che Numonyx-Micron riceverà, l’UGL Metalmeccanici ritiene improrogabile inserire nel contratto di programma una clausola per tutelare gli oltre 400 lavoratori ceduti a Micron. Tuttavia tale tutela non e’ stata ancora prevista in quanto l’Assessorato ha dichiarato di lavorare esclusivamente sul progetto ST ENEL SHARP.
Per tali ragioni, la RSU di concerto con le OO. SS. ha proclamato uno sciopero di 8 ore e manifestazione in Prefettura di Catania in data 23 marzo.
Riteniamo che non si possano abbandonare al destino le 400 famiglie dei lavoratori senza che sia stato esperito ogni tentativo per salvaguardare l’intera popolazione dei lavoratori della Numonyx-Micron, soprattutto in un territorio in cui la mancanza del lavoro e’ la prima causa del sottosviluppo e humus per la criminalità.
Al Prefetto ribadiremo di farsi carico di una vertenza che deve assumere necessariamente carattere istituzionale per evitare che si disperdano fondi pubblici che in altre realtà industriali siciliane sono serviti solo per il business aziendale e non per l’occupazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…