Passa ai contenuti principali

UGL AGROALIMENTARE:PESCA, PROROGA TERMINI BANDO MISURA 3.1 LETT. M (P.G.L.)

A seguito di quanto emerso nella riunione partenariale tra le OO.SS., le associazioni datoriali e l’Amministrazione regionale, con DDG n. 51 del 04.03.2010, è stata disposta la proroga dei termini di giorni 30 per la presentazione della manifestazione di interesse relativa al bando della misura 3.1 lett. m (Piani di Gestione Locale) e contestualmente sono state approvate alcune modifiche ed integrazioni allo stesso bando, l'estratto del citato DDG n. 51 del 04.03.2010 sarà pubblicato sulla Gazzetta della Regione Siciliana (GURS) il 12.03.2010, mentre il Bando riportante le modifiche apportate sarà pubblicato in versione integrale su questo sito l’08.03.2010.
Tra le modifiche apportate la specifica di pesca costiera da inserire nel bando, procedure rapide per l’anticipazione ed il riconoscimento di ulteriori spese come ammissibili. Il dibattito che ha visto la presenza anche di rappresentanti dei Consorzi di ripopolamento ittico è stato incentrato sulla contrapposizione tra la posizione dei Consorzi e quella delle Associazioni datoriali in ordine ai requisiti per la stipula del Consorzio previsto nella Manifestazione d’interesse e propedeutico per l’accesso alla contribuzione per la gestione della fascia costiera attraverso il Piano. Per Ugl Agroalimentare Sicilia – dichiara Giuseppe Messinav(nella foto), Segretario regionale – il Piano di Gestione Locale è strumento di adattative management e la finalità va ricercata nel potere autoregolamentare delle imprese di pesca che vi operano. Il giudizio di Ugl è netto e trasparente sulla questione aperta dai Consorzi di ripopolamento ittico, per Messina è necessario rivendicare il diritto di proprietà delle risorse nello specchio acqueo che delimita il PGL, spetta alle imprese di pesca di qualsiasi forma giuridica la titolarità nella partecipazione alla Manifestazione d’interesse per la costituzione di Consorzi tra pescatori per la gestione della fascia costiera. Introdurre un processo virtuoso autoregolante fondato su una riscoperta del ruolo del pescatore visto come risorsa inserita in un sistema di gestione integrata della pesca – per Messina – è l’unico percorso attivabile per garantire un futuro al comparto, il mantenimento dei livelli occupazionali, la creazione di forme nuove di reddito e di occupazione, il tutto nel rispetto dell’ambiente e, dell’applicazione del CCNL di settore, alle OO.SS. il compito di vigilare sul sistema di regole a garanzia dei livelli occupazionali. Per Messina occorre specificità ed autonomia gestionale come capisaldi di una moderna gestione della pesca artigianale dentro un corpus di regole a garanzia di una gestione consapevole ed ecocompatibile del mare, risorsa da tutelare e preservare per le future generazioni. Ai Consorzi di ripopolamento ittico compete il ruolo di animazione del territorio – conclude Messina – e secondo una visione di Ugl Agroalimentare Sicilia, peraltro contenuta in una proposta all’attenzione dell’amministrazione regionale – e di naturale sede periferica della Direzione Generale pesca con compiti specifici. Per Ugl Agroalimentare Sicilia, l’Amministrazione regionale ha il dovere di porre mano ad un processo di riorganizzazione degli uffici, a seguito dell’introduzione della L.r.19/2008, per garantire i servizi nelle marinerie sul modello in atto operativo nel mondo agricolo. Servizi, informazione e formazione elementi indispensabili per il rilancio politico-amministrativo della pesca siciliana.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…