Passa ai contenuti principali

BELICE AMBIENTE S.P.A.: GRAVE SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA


L’U.G.L. Igiene Ambientale Regionale e Provinciale di Trapani, comunica che non parteciperà allo sciopero indetto per il 03/05/2010 da parte degli operatori ecologici della Belice Ambiente S.p.A., in quanto lo stesso provocherà solo disagi alla collettività senza risolvere alcun problema per gli operatori ecologici della Società.
La grave situazione economico-finanziaria della Belice Ambiente non è cosa recente,spiega Gibilisco Silvano Seg. Reg. Ig. Amb. Sicilia, ha una lunga storia che parte sin dalla nascita della stessa Società d’Ambito, e non si comprende come solo adesso si mette in evidenza le grave situazione debitoria che fino a qualche giorno addietro si nascondeva dietro un falso “virtuosismo” gestionale, siamo certi, che tra pochi giorni si genereranno altre problematiche, perché il virtuosissimo ATO Belice Ambiente che non paga gli stipendi, ha fatto un buco di 18 milioni di Euro e le linee di credito sono cessati.
Nell’ auspicare comportamenti gestionali dell’attuale management conformi ai principi di legalità, trasparenza ed economicità, non si comprende come all’entrata in vigore della Legge Regionale sulla riforma della gestione dei rifiuti in Sicilia che pone le Società d’Ambito in liquidazione, e le palesi difficoltà economiche e finanziarie, non vengono ritirati i bandi di concorso per le assunzioni a tempo determinato per il personale amministrativo.
Non si comprende come vengano redatte graduatorie per il reperimento di personale a tempo determinato secondo l’art. 49 della L.R. 15/2004, una nel 2007 con scadenza 2010 e poi un’altra nel 2009, in palese contrasto con la legge stessa e con i conseguenti danni dovuti ai ricorsi presso il Giudice del lavoro da parte dei lavoratori penalizzati.
Alla luce di quanto sopra si chiede l’immediato annullamento in autotutela della graduatoria predisposta nel 2009 ai sensi dell’art. 49 della L.R. 15/2004 e l’assunzione dei dipendenti inseriti nella graduatoria del 2007 ancora in vigore, e l’immediato ritiro dei bandi di concorso in itinere per l’assunzione a tempo determinato di personale amministrativo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…