Passa ai contenuti principali

UGL Autonomie Locali: Grande partecipazione alla manifestazione dei Regionali

Ottomila dipendenti regionali, provenienti da tutta la Sicilia, sono scesi questa mattina in piazza per chiedere un cambiamento della linea politica sul personale portata avanti sino ad oggi dal governo regionale, guidato da Raffaele Lombardo. Principalmente al centro delle rivendicazioni messe al centro della protesta organizzata da parte dei sindacati Ugl, Cgil, Cisl, Uil, Cobas/Codir, Sadirs,e Siad : il finanziamento per il rinnovo del contratto di lavoro economico scaduto nel 2007, la stabilizzazione del precariato regionale (nel 90% dei casi precari da più di 21 anni), l’immediata riapertura del confronto governo-sindacati sulla Legge di riforma del personale finalizzato al rilancio della macchina amministrativa, l’abbandono di una politica di privatizzazione selvaggia dei servizi della Regione Siciliana (beni culturali, aziende foreste, etc.). Durante la protesta, che fra l’altro ha determinato la chiusura della quasi totalità degli uffici regionali in tutta la Sicilia, il governo regionale ha ricevuto la delegazione dei sindacati per affrontare le questioni poste sul tavolo. Presente all’incontro il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, l’assessore alla funzione pubblica, Caterina Chinnici, l’assessore al bilancio, Michele Cimino, mentre per l’amministrazione c’erano il segretario generale, Vincenzo Emanuele, il dirigente generale del personale, Giovanni Bologna ed il capo della task force lavoro Salvatore Cianciolo. Dopo avere ascoltato le richieste dei sindacati il governo si è pronunciato sui singoli punti: 1) per il rinnovo del contratto di lavoro il presidente si è impegnato a reperire le risorse necessarie per il rinnovo economico ammontanti a circa 40 milioni di euro, somme che dovranno essere iscritte nel bilancio che verrà approvato entro aprile; 2) sulla Legge di riforma del personale il governatore ha chiesto all’assessore alla funziona pubblica di riaprire il dialogo con le organizzazioni sindacali al fine di velocizzare un percorso più volte annunciato ma che è rimasto sostanzialmente fermo; 3 )sul tema del bacino unico del personale il governo ha annunciato di avere modificato la norma nella direzione di un bacino unico del personale esclusivamente per il personale delle società a partecipazione regionale che escluderebbe quindi – come richiesto dai sindacati - il pubblico impiego; 4) sul tema delle “privatizzazioni” dei servizi il governo ha rimandato il tema ad un tavolo governo-sindacati condotto dall’assessore ai beni culturali, Gaetano Armao, a cui il presidente si è impegnato di dare un’apposita direttiva nella direzione del confronto 5) inoltre, il presidente della Regione si è impegnato a velocizzare il percorso della stabilizzazione dei 4.500 precari attraverso la presentazione di un emendamento in Finanziaria che – a costo zero – consenta di trasformare il rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato. Sul tema Lombardo ha anche annunciato di volere aprire un “tavolo” con il governo nazionale per ottenere risorse finalizzate alla stabilizzazione del personale come avvenuto per altre Regioni italiane. I sindacati hanno espresso moderata soddisfazione per l’attenzione ricevuta da parte del governo ma restano in attesa – adesso – di fatti concreti che diano realmente inizio ad una nuova fase per un’amministrazione che possa essere al servizio della collettività con il personale fortemente impegnato e motivato nelle propria odierna missione. In ogni caso, le Organizzazioni Sindacali hanno invitato tutti lavoratori regionali a mantenere alta l’attenzione sulle questioni poste al fine di una positiva risoluzione della vertenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…