Passa ai contenuti principali

AMBIENTE: UGL SIRACUSA "SOSTENIAMO CAMPAGNA LIBERI DALL'AMIANTO"

Antonio Galioto 
SIRACUSA (ITALPRESS) - Sabato prossimo, a partire dalle 9 fino  alle 17, sara' allestito in Largo XXV luglio, a Siracusa, un  gazebo informativo per richiamare l'attenzione dei cittadini sul protocollo 'Liberi dall'Amianto' e sostenere la campagna di  sensibilizzazione e raccolta fondi gia' avviata in 13 citta'  simbolo della lotta alla fibra killer.
Lo annuncia il segretario  provinciale dell'Ugl Siracusa, Antonio Galioto, spiegando che  "l'evento, organizzato dalla Fondazione Anmil 'Sosteniamoli  Subito' onlus e dalle organizzazioni sindacali, portera' nel  centro di Ortigia la campagna 'Asbestos Free', promuovendo la  discussione su un tema tanto complesso e, soprattutto, l'informazione di cittadini e lavoratori sui rischi che si corrono quando si entra in contatto con una fibra tanto pericolosa".
"A  distanza di oltre venti anni dall'entrata in vigore della legge  257/92, che ha bloccato ogni forma di produzione, importazione e  commercio di materiali contenenti amianto, la presenza della fibra nel nostro territorio e' purtroppo ancora capillare, basti pensare  - aggiunge il sindacalista - che dopo la chiusura della fabbrica  Eternit alle porte di Siracusa, non e' mai stata effettuata alcuna  bonifica della zona e la gente d'estate fa il bagno in un tratto  di mare che nasconde chissa' quali concentrazioni di sostanze  pericolose".
 "E' nostro dovere, quindi, - conclude Galioto -  sostenere tutte le iniziative volte al risanamento del territorio  e alla salvaguardia del diritto alla salute della nostra  comunita'".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sanità. Ugl, su mancata immissione in ruolo fondati i nostri sospetti. Gucciardi intervenga verso chi ha causato questo danno

"Purtroppo, anche questa volta i nostri sospetti si sono rivelati fondati e, come tutte le altre volte, avremmo voluto essere prontamente smentiti. Invece così non è stato!"  E' il commento amaro ed intriso di rabbia quello, in modo unanime, lanciato dal coordinatore nazionale docenza e dirigenza della Ugl università, Raffaele Lanteri e dai segretari regionali di Ugl sanità e Ugl medici, Carmelo Urzì e Aurelio Guglielmino, dopo l'ammissione da parte dell'assessore regionale della salute, Baldo Gucciardi, di refusi ed errori nell'iter che avrebbe dovuto sbloccare entro luglio l'immissione in servizio dei vincitori di concorso in tutta la Regione siciliana.  "Lo avevamo sospettato, nonostante l’apertura mostrata dallo stesso Gucciardi nel corso dell’incontro che abbiamo avuto lo scorso 29 giugno, che ci aveva fatto ben sperare su una positiva evoluzione della situazione - aggiungono i sindacalisti - e come volevasi dimostrare, però, sembra che qualcun…

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Carcere Ucciardone. Ugl, ancora un episodio gravissimo

Ancora un gravissimo episodio esplode all’interno del carcere palermitano Ucciardone. Venerdì 28 luglio, un detenuto straniero, ha per protesta, appiccato il fuoco alla cella, prontamente il personale IN in servizio è intervenuto, ignaro che il detenuto deteneva una bomboletta di gas ( tipo da campeggio), la quale è esplosa ferendo i due agenti accorsi, provocando ustioni varie di primo e secondo grado, intossicando gli stessi, con prognosi di 15 giorni. Il personale si è distinto in modo esemplare a rischio della propria incolumità, apportando tutte le necessarie procedure. Fatti gravissimi che dovrebbero portare ad una riflessione sulla necessità di dotare certi detenuti dalla personalità complessa, a detenere oggetti pericolosi come le bombolette da campeggio normalmente acquistate in carcere. “ Il detenuto in oggetto non è nuovo a simili atteggiamenti, - dichiarano i Segretari Ugl Polizia Penitenziaria Piazza e Mezzatesta,- tant'è che era posto in isolamento”.  “Ch…