Passa ai contenuti principali

SE SIETE SODDISFATTI DELLE VOSTRE NOTE DI QUALIFICA NON LEGGETE OLTRE


Il CCNL stabilisce che le capacità professionali costituiscono un patrimonio fondamentale per i lavoratori/lavoratrici e per l'efficienza e la competitività delle imprese bancarie che pertanto si impegnano a valorizzare e sviluppare le capacità professionali in coerenza con le scelte strategiche, le esigenze organizzative e produttive delle imprese stesse (art.73 commi 1 e 2).
Sempre secondo il CCNL le Parti nazionali convengono, a titolo esemplificativo, che idonei elementi di valutazione professionale sono le competenze professionali, i precedenti professionali, la padronanza del ruolo, le attitudini e le potenzialità professionali, le prestazioni (art.74 comma 2).
Questi costituiscono i principi cardine su cui dovrebbe ruotare il giudizio professionale complessivo che l'azienda attribuisce annualmente ad ogni lavoratore/lavoratrice.
Ma la realtà è ben diversa ed i criteri adottati dall'impresa circa il merito della valutazione professionale non risultano così trasparenti, né tanto meno il complessivo giudizio professionale risulta rispondente alla effettiva prestazione svolta.
Ogni anno si assiste ad una continua svalutazione delle prestazioni professionali perchè le stesse spesso vengono valutate non secondo l'effettivo impegno dato da ogni singolo lavoratore/lavoratrice ma in base al raggiungimento degli obiettivi della struttura aziendale di riferimento.
Per cui si riscontra che diversi colleghi/e ogni anno assistono allo svilimento del loro contributo lavorativo, fornito con dedizione ed impegno all'azienda, in conseguenza di un appiattimento verso il basso delle valutazioni delle prestazioni professionali.
Tutto ciò è consequenziale al mancato raggiungimento degli obiettivi di gruppo che, inevitabilmente ed ingiustamente, si riflette sul singolo lavoratore/lavoratrice penalizzandolo con un peggioramento del giudizio professionale complessivo.
Questo clima di incertezza si ripercuote direttamente sull'arbitraria e discrezionale assegnazione dei premi i quali da strumenti incentivanti della produttività del lavoro sono diventati mezzi di controllo indiretto del lavoratore/lavoratrice.
Palermo, 02 maggio 2013
La Segreteria Provinciale di Palermo

Commenti

Post popolari in questo blog

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

De Ninnis nominato Coordinatore UGL delle politiche sindacali comparto CC.I.AA

“Nell’ottica di un rinnovamento e migliore efficienza dell’attività sindacale, utile ai rapporti con le Camere di Commercio e le politiche di riferimento Regionali, considerato il nuovo assetto organizzativo delle CC.I.AA. della Sicilia, e la complessità delle competenze e dei nuovi confini territoriali di cui occuparsi, che hanno reso più difficoltoso il ruolo dei sindacalisti aziendali nell’espletamento del proprio ruolo istituzionale, Fabio De Ninnis è stato nominato Coordinatore delle politiche sindacali e dei rapporti con l’Assemblea Regionale Siciliana per il comparto delle CC.I.AA”. Questo è quanto si legge in una nota dell’UGL FNA a firma del Commissario regionale, Ernesto Lo Verso, che aggiunge “ De Ninnis, da ventuno anni svolgere egregiamente il proprio ruolo di Dirigente sindacale, contribuendo una costante crescita degli iscritti, adoperandosi con dedizione e professionalità a rendere più concreta e funzionale l’azione sindacale, auguro buon lavoro e nuove conquist…