Passa ai contenuti principali

BANCARI: A PALERMO IL 30 GENNAIO, MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI CATEGORIA, DOMANI CONFERENZA STAMPA, AUGELLO (UGL), “ VENERDI’ TUTTI IN PIAZZA CONTRO L’ARROGANZA DEI BANCHIERI”


I bancari venerdì 30 gennaio, scenderanno in campo un tutta Italia con ben 4 manifestazioni nazionali le quali si terranno  a  Palermo, Roma, Milano e Ravenna,  in occasione dello sciopero nazionale di categoria,  proclamato unitariamente da Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Ugl Credito, Uilca Uil e Unisin.
E’ in discussione  il rinnovo del contratto di categoria, disdettato unilateralmente dall’Abi, l’associazione datoriale a rappresentanza delle Banche e dei banchieri,  i quali si sono chiusi a qualsiasi forma di dialogo e concertazione.
A Palermo,  sarà presentata nel corso di una conferenza stampa che si terrà domani alle ore 10,00,  presso la sala riunioni della Fabi in via Mariano Stabile n. 139, la manifestazione cittadina del 30 gennaio, in concomitanza dello sciopero generale nazionale  dei lavoratori bancari.
La manifestazione prevede alle ore 9.30, un concentramento con  sit-in in Piazza Verdi (Teatro Massimo) e a seguire alle ore 11. 00, comizio con intervento dei Segretari Generali Nazionali di categoria  Elena Aiazzi della  Fisac Cgil,   Massimo Masi della Uilca Uil, e Mauro Bossola della Fabi.
Per l'Ugl Credito, sarà presente il Segretario referente Nazionale per le Isole Sicilia e Sardegna, Manlio Augello,  che ha dichiarato,  “ i bancari sono in lotta per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro e, con lo sciopero del 30 gennaio, intendiamo unitariamente con forza respingere la pretesa dell’ABI di cancellare quasi tutte le conquiste dei lavoratori del credito ottenute negli anni”.
“L’Abi - spiega il sindacalista -  pretende di non riconoscere, di fatto, alcun incremento economico, azzerando ogni automatismo economico. Ma non solo. Quello che è più grave,  è il palese intendimento datoriale di destrutturare l’area contrattuale, per rendere più facile l’esternalizzazione di attività lavorative ora nell'ambito contrattuale bancario, contestiamo fermamente l’operato dei banchieri,  fautori di operazioni finanziarie scellerate e senza scrupoli, oggetto di importanti inchieste della Magistratura”.  E’ un precedente gravissimo -  conclude Filippo Virzì -  per la Segreteria Regionale dell’Ugl Credito Sicilia – un attentato alla stabilità di un settore,  fondamentale per l’equilibrio sociale ed economico di un intero paese, il tentativo di Abi di eliminare qualsiasi garanzia contrattuale non deve passare, in quanto potrebbe creare una deriva anche in altre settori lavorativi, insomma una deregulation senza regole con effetto domino  destabilizzante per l’intero sistema,  quindi la vertenza dei bancari, sarà la vertenza di tutti”.  Solidarietà alla vertenza dei bancari,  viene espressa anche dai vertici  dell’Ugl in Sicilia,  dal Segretario Generale dell'Ugl  Sicilia, Giuseppe Monaco e del Segretario Generale dell'Utl di Palermo, Claudio Marchesini. (V.C.)
PA. 28.01.2015



                                  

Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…