Passa ai contenuti principali

#MATTEOGIRATI, LA PAROLA D’ORDINE DELL’UGL A FAVORE DEI PENSIONATI, ANCHE IN SICILIA GRANDE MOBILITAZIONE PER LA SECONDA TAPPA

Continua la battaglia dell’Ugl al fianco dei pensionati ‘vittime’ del rimborso sempre più illusorio legato al Decreto Poletti. “#matteogirati”: questa la parola d’ordine dell’Ugl.
Dopo il grande consenso incassato il 1° agosto, domani  si replica con assistenza gratuita in 50 piazze per ricorsi su rivalutazione.
Quindi seconda tappa anche in Sicilia.
 L’assistenza gratuita sarà destinata a circa 3,7 milioni di pensionati (una platea limitata rispetto all’universo pensionati) che percepiscono un reddito lordo compreso tra tre e sei volte il minimo.
Il rimborso è  una non risposta alla sentenza della Corte Costituzionale sulla rivalutazione delle pensioni, altro segno tangibile dell’ingiusta ed assurda indifferenza del Governo nei confronti di una categoria oggi vulnerabile più che mai.
L'Ugl  l'8 agosto, allestirà dei gazebo in diverse località siciliane, in particolare dalle ore 10,00 alle 13,00 a Palermo in via Ausonia, a Misilmeri dalle 19,00 all' 01,00 in corso Vittorio Emanuele 210, a Marina di Ragusa, dalle ore 10.30 alle 18.00, a Siracusa (Ortigia) dalle ore 9.00 alle 12.00, a Catania  in Piazza del Duomo,  dalle ore 9.00 alle 13.00,  per fornire assistenza gratuita a chi vorrà avviare un ricorso alla magistratura contro il governo che volta le spalle alle categorie più deboli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Allarme Ugl su sofferenza sistema trasporti. Appello a Musumeci

"Con il disorientamento istituzionale dell' assessore al ramo Falcone, riemergono limiti e criticità che fanno ripiombare nell'incertezza e nelle facili promesse il sistema dei trasporti e della mobilità dell'Isola. Le troppe distrazioni e la poca incisività sulle tante criticità ad oggi irrisolte e più volte poste all'attenzione del responsabile di governo, tornano ad allarmare ed agitare i lavoratori. Come organizzazione sindacale responsabile, che ha sempre mostrato buon senso, moderazione, equilibrio e capacità di dialogo istituzionale, registriamo con amarezza le distanze che l'assessore Falcone ha ritenuto di tracciare nel riguardi del UGL per motivi che restano oscuri.  Se tutelare i lavoratori è il prezzo da pagare ne siamo consapevoli e andiamo avanti, ancora più convinti, perché per il nostro sindacato centrali sono - da sempre - lavoro, sicurezza e salute. Esprimiamo forte preoccupazione per il futuro dei livelli occupazionali nel settore dei traspor

Ugl e Italia Virtual Tour il 14 dicembre il Segretario Generale incontra i Quadri Dirigenti Siciliani

  “Italia Virtual Tour”  è l’iniziativa nazionale del sindacato  Ugl che  toccherà  con delle tele conferenze le regioni italiane  per sondare lo  stato di salute dei territori, con particolare  riferimento all’economia e all’impatto del Covid sulle realtà locali. Il Segretario Generale   Francesco Paolo Capone con il   Segretario regionale dell’Ugl Sicilia Giuseppe Messina  incontreranno i quadri dirigenti della Regione Siciliana lunedì  14 dicembre alle ore 17,00.

Srr Trapani Sud. Soddisfazione dell'Ugl: annullato licenziamento, adesso reintegra dei tre lavoratori

“Giustizia è stata resa, adesso la reintegra al lavoro. Il Tribunale di Sciacca ha annullato, con sentenza emessa ieri dal Giudice del Lavoro, il licenziamento intimato il 20 luglio 2020 dalla SRR Trapani Sud a tre lavoratori iscritti all'Ugl. Il giudice ha definitivamente condannato la Società al pagamento in favore di ciascun ricorrente delle retribuzioni dal giorno del licenziamento fino a quello della effettiva reintegrazione, anche ai fini del calcolo del Tfr, oltre al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali per lo stesso periodo. I lavoratori sono stati sostenuti e difesi dall'Ugl nei riguardi della Srr sin dall'origine della vicenda che è apparsa, da subito, priva di motivi e tali da giustificare una drastica decisione quale quella del licenziamento, che ha cercato di evitare in tutti i modi, consci della correttezza tenuta dai tre lavoratori, al centro di accuse ingiuste e prive di alcun fondamento probatorio. Tre padri di famiglia sono stati ingi