Passa ai contenuti principali

COMUNE DI PALERMO: UGL, RITARDI NELLA RAZIONALIZZAZIONE SOCIETÀ PARTECIPATE RISCHIA DI PROVOCARE UN ‘TERREMOTO SOCIALE’

“Il processo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute dal Comune di Palermo finalizzato a ridurne, entro il 31 dicembre 2015, il numero e gli sprechi resta un rebus ed i prossimi mesi non porteranno, con ogni probabilità, nulla di buono per le migliaia di lavoratori dipendenti delle società partecipate visti i tempi allungati dall’amministrazione comunale. Il Piano operativo approvato con determina sindacale n.53, lo scorso 31 marzo, rischia, quindi, di restare lettera morta o peggio ancora di provocare un ‘terremoto sociale’ per l’eventuale perdita di posti di lavoro qualora non condivise le scelte con i lavoratori. A pagare l’immobilismo dell’amministrazione attiva non solo i lavoratori ma anche i cittadini costretti ad una pressione fiscale locale esagerata rispetto ai servizi resi dall’amministrazione comunale”.
A dichiararlo Margherita Gambino, Componente dell’Assemblea nazionale dell’Ugl e Segretario provinciale della Federazione Energia a margine dell’audizione in Terza Commissione Consiliare al Comune di Palermo. All’incontro hanno partecipato, inoltre, Antonio Vaccaro, Segretario provinciale della Federazione Igiene Ambientale e Alessandro Franchina, responsabile provinciale ex Ambiti territoriali ottimali (Ato). Presente anche Giuseppe Messina, Responsabile regionale  dell’ Ugl Sicilia e Reggente dell’Unione Territoriale del Lavoro di Palermo.
“La vicenda Aps-Amap – continua la Gambino - conferma come certe operazioni se non calibrate bene rischiano di mettere a repentaglio il futuro di tutti i lavoratori interessati”.
“La gestione degli Ato si è rivelata fallimentare – afferma Vaccaro, intervenuto ai lavori - ed i lavoratori restano sospesi in un limbo senza sapere se transiteranno nelle SRR, con quali modalità e entro quali tempi. Sulla Rap sgombriamo il campo da voci prive di fondamento, nessuna organizzazione sindacale, compreso UGL, si è opposta al progetto di riorganizzazione della società”.
“La questione è altra – sostiene il segretario provinciale della Federazione Igiene Ambientale di Ugl - e precisamente è legata ai ritardi nella fornitura di mezzi e attrezzature che non hanno consentito ai lavoratori di operare in maniera efficiente”.
“Non ci convincono – aggiunge Vaccaro - le continue dichiarazioni di emergenza rifiuti a Palermo provenienti da fonti di Palazzo delle Aquile. Invece di creare allarmismi – rilancia il sindacalista - sarebbe cosa buona e giusta che l’amministrazione comunale procedesse a pagare i circa 9 milioni di euro maturati dalla società Rap per fatture di manutenzione stradale ed emergenza. Servono maggiori controlli sulle discariche abusive e sul conferimento fuori orario”.
Affrontata anche la vertenza legata alla società Amat. Per l’Ugl è preoccupante che non si parli di rinnovo del contratto di servizio, peraltro scaduto da anni. Sono stati formati 61 autisti per utilizzarli sui tram ma di assegnazione in ‘house providing’ non se ne parla. Sulla vicenda Ugl ha chiesto al presidente della Terza Commissione Consiliare, Luisa La Colla, di vigilare sulle procedure di assegnazione dell’appalto e sui lavori di completamento della linea del tram viste le continue voci che si susseguono in merito al mancato rispetto delle norme sulla sicurezza e sull’abbattimento delle barriere architettoniche”.


Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…