Passa ai contenuti principali

MECCANIZZAZIONE AGRICOLA ESA. UGL: “BASTA CON RITARDI E SOSPENSIONE DAL LAVORO. SERVE UNA RIFORMA DEL COMPARTO E L’IMMEDIATO RIENTRO DEGLI OPERAI

“La sospensione del rapporto di lavoro degli operai della meccanizzazione su provvedimento dei vertici dell’Esa, condivisi con l’assessore all’agricoltura, Rosalia Barresi e con il collega assessore al territorio e ambiente, Maurizio Croce, è un fatto grave e pretestuoso posto in essere senza aver avvisato la nostra organizzazione Sindacale confederale”.
A dichiararlo il segretario regionale di Ugl Agricoli, Forestali e Pesca della Sicilia, Franco Arena (nella foto), a margine dell’incontro con il responsabile dell’ufficio personale dell’Esa a Palermo. Incontro seguito all’auto convocazione dei lavoratori iscritti all’Ugl in risposta al provvedimento di sospensione dal lavoro degli operai della meccanizzazione.
“A tal proposito abbiamo chiesto – prosegue il segretario regionale di categoria – la revoca immediata del provvedimento di sospensione  motivandola che non è stata concordata con Ugl e neanche comunicata alla nostra Organizzazione Sindacale Confederale”.
“Abbiamo chiesto che si metta urgentemente mano alla riforma del comparto e per questa ragione nei prossimi giorni incontreremo l’assessore Barresi al quale consegneremo la nostra proposta della stabilizzazione di tutti i lavoratori”.
“Ugl ha sollevato la vicenda dei ritardati pagamenti delle mensilità pregresse – afferma Calogero Macaluso coordinatore dei lavoratori Esa della meccanizzazione di Ugl in provincia di Palermo. Abbiamo chiesto l’immediato sblocco dei pagamenti – aggiunge - e non ci convince il problema tecnico comunicatoci dal referente dell’Esa visto che è da maggio che i lavoratori non percepiscono alcunché”.
Alla fine dell’incontro è stato stilato un verbale sottoscritto dai responsabili di Ugl e dal referente dell’Esa.



Commenti

Post popolari in questo blog

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…