Passa ai contenuti principali

Palermo. Ugl Les Polizia di Stato rilancia allarme sicurezza in città

Dopo l'aggressione subita da due colleghi della "Volanti" presi a sprangate lo scorso sabato da un immigrato clandestino sorpreso mentre tentava il furto in un palazzo di Via Oreto, si ripropone con forza il problema sicurezza a Palermo.

“E' più di un anno - dichiara in una nota Ugl Les Polizia di Stato- che denunciamo le precarie condizioni di sicurezza dei cittadini palermitani e degli operatori della Polizia di Stato chiamati ad intervenire, come in questo caso, con evidenti limitazioni giuridiche e normative quando si tratta di fermare persone violente.
E' chiaro ormai a tutti che l'uso legittimo delle armi, così determinato dall'ordinamento giuridico italiano, inibisce di fatto, in casi come questo, l'uso delle armi in dotazione alle forze dell'ordine poichè sono gli stessi operatori a rischiare di essere incriminati per "eccesso colposo" nella difesa della propria persona”.
“Da qualche tempo – spiega la nota - si sta facendo largo l'idea di concedere in dotazione personale un secondo caricatore per gli operatori di Polizia impegnati quotidianamente in specifiche mansioni operative.
Si ha il timore di sparare un colpo, figurarsi 30!!!!
Una valida alternativa all'uso delle armi, in casi come quello sopra descritto, potrebbe essere l'impiego del "TASER" , un'arma di difesa personale in grado di fermare l'aggressore mediante una piccola scarica elettrica”.
“ Quest'arma già usata nei Paesi anglosassoni, - conclude Ugl Les Polizia di Stato - permetterebbe perciò agli operatori di Polizia di immobilizzare persone violente senza dover ricorrere ad armi da sparo!!
Nel frattempo, auguriamo una pronta guarigione ai due coraggiosi colleghi, vittime dell'ennesima aggressione ai danni delle forze dell'ordine”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

De Ninnis nominato Coordinatore UGL delle politiche sindacali comparto CC.I.AA

“Nell’ottica di un rinnovamento e migliore efficienza dell’attività sindacale, utile ai rapporti con le Camere di Commercio e le politiche di riferimento Regionali, considerato il nuovo assetto organizzativo delle CC.I.AA. della Sicilia, e la complessità delle competenze e dei nuovi confini territoriali di cui occuparsi, che hanno reso più difficoltoso il ruolo dei sindacalisti aziendali nell’espletamento del proprio ruolo istituzionale, Fabio De Ninnis è stato nominato Coordinatore delle politiche sindacali e dei rapporti con l’Assemblea Regionale Siciliana per il comparto delle CC.I.AA”. Questo è quanto si legge in una nota dell’UGL FNA a firma del Commissario regionale, Ernesto Lo Verso, che aggiunge “ De Ninnis, da ventuno anni svolgere egregiamente il proprio ruolo di Dirigente sindacale, contribuendo una costante crescita degli iscritti, adoperandosi con dedizione e professionalità a rendere più concreta e funzionale l’azione sindacale, auguro buon lavoro e nuove conquist…