Passa ai contenuti principali

Sicilia/CCIAA. Ugl, serve confronto per scongiurare accorpamento Palermo ed Enna, va rivista la riforma

“La riforma camerale del governo Crocetta fa acqua da tutte le parti. Chiediamo la sospensione immediata del procedimento di accorpamento delle Camere di Commercio di Palermo ed Enna, previsto per 28 Febbraio p.v. perché il nuovo Ente non ha la sostenibilità economica come previsto dal decreto legislativo del 9 novembre 2016. Dall’esame del Preventivo Economico 2016 della Camera di Commercio di Enna emerge con chiarezza che le passività a regime ammontano a circa 2.000.000 di Euro, oltre al deficit del fondo pensioni che determina il mancato raggiungimento del pareggio e l’impossibilità di rispettare il principio di cui all’art.2, comma 2 del dpr n.254/2005.”
A sostenerlo Giuseppe Messina, Responsabile regionale dell’Ugl Sicilia ed Ernesto Lo Verso, Reggente nell’Isola della Federazione Nazionale Autonomie commentando l’imminente completamento dell’iter di accorpamento delle Camere di Commercio di Palermo ed Enna.
“Il sistema camerale siciliano non è nella condizione di sostenibilità economica e finanziaria - aggiungono i sindacalisti - per via della riduzione del 50 per cento del diritto annuale, come deciso scelleratamente dal Governo Renzi; così come non è in grado di reggere a qualunque forma di accorpamento, come voluta dall’esecutivo regionale con una riforma fuori dalla realtà, a causa dell’anomalia profonda che ha impedito alle Camere di Commercio di vedere applicate le norme finanziarie dettate dalla Corte dei Conti sin dal 1996 e giuridiche, come l’accesso al fondo pensioni dei regionali nel 2009, che significa il pagamento diretto delle pensioni agli ex dipendenti delle CCIAA”.
“L’idea di smembrare il sistema camerale siciliano in quattro o cinque Camere di Commercio è anacronistico – chiariscono Messina e Lo Verso - così com’è illogico pensare a nuovi accorpamenti entro il 2020”.
“Ed è per questo che chiediamo un confronto - concludono - con chi è disposto ad affrontare seriamente un percorso possibile di riordino del sistema camerale siciliano alla luce del quadro di riferimento attuale che con le norme vigenti sui pensionamenti, anche per il personale delle CCIAA, porterebbe al 31.12.2020 il numero degli addetti di ruolo delle CCIAA siciliane a meno di 100 unità, dato che su oltre 400 unità almeno 308 potrebbero essere interessati al trattamento pensionistico. Senza dimenticare gli 84 precari che perderebbero ogni speranza di futura stabilizzazione ed i 15 dipendenti di Enna che da sei mesi non percepiscono lo stipendio”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sanità. Ugl, su mancata immissione in ruolo fondati i nostri sospetti. Gucciardi intervenga verso chi ha causato questo danno

"Purtroppo, anche questa volta i nostri sospetti si sono rivelati fondati e, come tutte le altre volte, avremmo voluto essere prontamente smentiti. Invece così non è stato!"  E' il commento amaro ed intriso di rabbia quello, in modo unanime, lanciato dal coordinatore nazionale docenza e dirigenza della Ugl università, Raffaele Lanteri e dai segretari regionali di Ugl sanità e Ugl medici, Carmelo Urzì e Aurelio Guglielmino, dopo l'ammissione da parte dell'assessore regionale della salute, Baldo Gucciardi, di refusi ed errori nell'iter che avrebbe dovuto sbloccare entro luglio l'immissione in servizio dei vincitori di concorso in tutta la Regione siciliana.  "Lo avevamo sospettato, nonostante l’apertura mostrata dallo stesso Gucciardi nel corso dell’incontro che abbiamo avuto lo scorso 29 giugno, che ci aveva fatto ben sperare su una positiva evoluzione della situazione - aggiungono i sindacalisti - e come volevasi dimostrare, però, sembra che qualcun…

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…