Passa ai contenuti principali

Regione. L’Ugl scende in campo contro la riforma della dirigenza regionale che privilegia solo determinati destinatari


Ci risiamo con gli assalti alla diligenza, è ormai un fatto consuetudinario assistere, in concomitanza alla fine di ogni legislatura, ad episodi inqualificabili, perpetrati dal legislatore regionale di turno, con la facile lettura di raggiungere l’obiettivo di raccogliere consensi, al fine di rafforzare speranze di rielezione, in vista del rinnovo dell’ARS. 
Nel caso di specie, si assiste alla presentazione di emendamenti al DDL 1276 (Finanziaria regionale 2017) che presentano le caratteristiche delle cosiddette norme fotografia, essendo consapevoli i deputati firmatari che, in particolare, le norme sul personale regionale vengono regolarmente espunte dal testo della Finanziaria dal Presidente dell’ARS che ne sancisce la natura di norme intruse.
A dichiararlo Giuseppe Messina, Responsabile regionale Ugl Sicilia e Ernesto Lo Verso (nella foto), Reggente regionale della Fna-Ugl.
Con un emendamento firmato dal Presidente della Commissione Bilancio On.le Vinciullo - aggiungono i sindacalisti - si è preteso di normare la riforma della dirigenza regionale, non raccordandosi né con l’Assessore Lantieri né con le Organizzazioni Sindacali. La suddetta norma, frutto della insipienza e parzialità dell’estensore, rasenta addirittura il ridicolo nel prevedere l’accesso alla fantomatica I e II fascia dirigenziale, riservandola a coloro che abbiano realizzato 'ingresso nell’Amministrazione regionale con pubblico concorso per la qualifica di dirigente', non considerando che tale previsione non consentirebbe a nessuno degli attuali dirigenti di poter accedere alle predette fasce, visto che nessun concorso pubblico è stato mai indetto dall’Amministrazione regionale per tale qualifica, introdotta con la legge regionale n. 10/2000.
E’ appena il caso di ricordare - sostengono Messina e Lo Verso - che i concorsi pubblici per l’accesso alla qualifica di dirigente della Regione siciliana hanno fatto tutti riferimento alla funzione dirigenziale, normata ai sensi della l.r. 7/1971, che, per scelte peculiari del legislatore siciliano, ne prevedette l’articolazione delle qualifiche per fasce funzionali, allontanandosi da quelle vigenti nello Stato con la conseguenza che la cosiddetta qualifica di 'dirigente' dell’Amministrazione regionale corrispondeva a quella di funzionario della ex carriera “direttiva” dello Stato.
Solo con la legge regionale n.10 del 2000 - precisano - si procedette ad un sommario recepimento della 'dirigenza' dello Stato nell’ordinamento regionale, mediante l’introduzione della I e della II fascia dirigenziale e della improvvida istituzione – caso unico in Italia – di una III fascia dirigenziale.
Questo Sindacato - rilanciano Messina e Lo Verso - plaude alla dichiarazione misurata dell’Assessore regionale per la Funzione Pubblica Maria Luisa Lantieri sulla Riforma del personale regionale che, a suo dire, deve essere fatta attraverso bozze ragionate, confronti con i sindacati e le parti sociali in genere, equilibrio fra le posizioni e i diritti dei lavoratori e le esigenze dell’amministrazione che devono essere garantire, senza sconfiggere, in nessun caso con il Decreto Madia di livello nazionale”.
UGL responsabilmente manifesta la propria totale contrarietà ai contenuti dell’emendamento Vinciullo - concludono - con riferimento al maldestro tentativo di realizzare una riforma della dirigenza regionale che privilegi solo determinati destinatari a scapito di quella parte di dirigenti regionali che hanno pari diritto ad accedere ad una fascia unica della dirigenza. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

De Ninnis nominato Coordinatore UGL delle politiche sindacali comparto CC.I.AA

“Nell’ottica di un rinnovamento e migliore efficienza dell’attività sindacale, utile ai rapporti con le Camere di Commercio e le politiche di riferimento Regionali, considerato il nuovo assetto organizzativo delle CC.I.AA. della Sicilia, e la complessità delle competenze e dei nuovi confini territoriali di cui occuparsi, che hanno reso più difficoltoso il ruolo dei sindacalisti aziendali nell’espletamento del proprio ruolo istituzionale, Fabio De Ninnis è stato nominato Coordinatore delle politiche sindacali e dei rapporti con l’Assemblea Regionale Siciliana per il comparto delle CC.I.AA”. Questo è quanto si legge in una nota dell’UGL FNA a firma del Commissario regionale, Ernesto Lo Verso, che aggiunge “ De Ninnis, da ventuno anni svolgere egregiamente il proprio ruolo di Dirigente sindacale, contribuendo una costante crescita degli iscritti, adoperandosi con dedizione e professionalità a rendere più concreta e funzionale l’azione sindacale, auguro buon lavoro e nuove conquist…