Passa ai contenuti principali

L’Ugl in prima linea a tutela delle donne e contro le violenze di genere

“Chiediamo che le risorse collegate al Piano Straordinario contro la violenza di genere vengano destinate ad un apposito fondo autonomo gestito dalle Prefetture.
Purtroppo a tre anni dalla firma della Convenzione di Istanbul il governo italiano ha stanziato risorse che per gli anni 2013 e 2014 non hanno trovato pienamente attuazione sui territori a causa della mancata applicazione di criteri di riequilibrio nei confronti degli Enti locali in condizioni deficitaria strutturale, in dissesto”.
E' quanto ha dichiarato Giuseppe Messina, segretario reggente Ugl Sicilia, a margine dei lavori della prima riunione regionale a Taormina presso l'Hotel Miramare promossa dal Comitato Donne con Nello Musumeci dal titolo: "Costituzione Associazione regionale Oltre il 5 Novembre"; un laboratorio permanente gestito da donne, di tutta la Sicilia, provenienti da tutte le formazioni politiche che si sono riconosciute nell' area di supporto al progetto politico di Nello Musumeci. 
Nel corso della riunione che ha tenuto al battesimo la nascita dell'Associazione culturale "Donne con Nello Musumeci. Oltre il 5 Novembre", il Segretario Messina rivolgendosi alla professoressa Fulvia Toscano, neo presidente ed a Fina Maltese, Coordinatrice regionale, ha presentato i risultati del Report "Senza Parole", realizzato dalla Confederazione dell'Ugl sulla distribuzione delle risorse finanziarie del Piano straordinario contro la violenza sulle donne. 
“Dallo studio, per usare le parole di Ornella Petillo, Segretario Confederale responsabile delle politiche di Welfare - ha commentato il sindacalista - è emerso che la ripartizione dei fondi per i Centri antiviolenza ed i Centri Rifugio messo in campo dal governo centrale segue un criterio 'puramente matematico' penalizzando in particolare le Regioni del Sud, carenti di strutture di accoglienza e di prevenzione della violenza di genere e che hanno manifestato negli anni 2010/2014 il più alto rischio di femminicidio”.
Nel consegnare copia del Report " Senza parole" ai referenti della neonata Associazione, Messina ha riportato le parole del Segretario generale dell'Ugl, Paolo Capone che ha affermato nei giorni scorsi sul quotidiano 'La Meta Serale': "La violenza sulle donne si combatte anche con il lavoro perché la dipendenza economica, causata dalla disoccupazione o dalla sotto-occupazione, rende le donne più fragili e la persistente problematica dei differenziali salariali fa si' che a parità di impiego le donne guadagnino meno degli uomini, il cosiddetto "soffitto di cristallo" che tiene le donne lontane dalle posizioni apicali. 
Per Capone quello che va spezzato è il nesso tra violenza e lavoro inadeguato o mancanza di occupazione, il tasso di occupazione femminile del 49,1 a fronte di un tasso maschile del 67,1 per cento pone l'Italia al penultimo posto (davanti la Grecia) per occupazione delle donne (dati Eurostat).
“Come sindacato siamo impegnati quotidianamente in tale direzione - ha concluso Messina - per contribuire a divulgare la cultura del benessere dei lavoratori nei luoghi di lavoro. E l'occasione di una platea di circa 100 donne così qualificata, per la partecipazione di professioniste, amministratrici, donne impegnate nel terzo settore, è ideale per coinvolgere quanti più soggetti possibili nel tentativo di costruire un comune percorso con l'obiettivo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sanità. Ugl, su mancata immissione in ruolo fondati i nostri sospetti. Gucciardi intervenga verso chi ha causato questo danno

"Purtroppo, anche questa volta i nostri sospetti si sono rivelati fondati e, come tutte le altre volte, avremmo voluto essere prontamente smentiti. Invece così non è stato!"  E' il commento amaro ed intriso di rabbia quello, in modo unanime, lanciato dal coordinatore nazionale docenza e dirigenza della Ugl università, Raffaele Lanteri e dai segretari regionali di Ugl sanità e Ugl medici, Carmelo Urzì e Aurelio Guglielmino, dopo l'ammissione da parte dell'assessore regionale della salute, Baldo Gucciardi, di refusi ed errori nell'iter che avrebbe dovuto sbloccare entro luglio l'immissione in servizio dei vincitori di concorso in tutta la Regione siciliana.  "Lo avevamo sospettato, nonostante l’apertura mostrata dallo stesso Gucciardi nel corso dell’incontro che abbiamo avuto lo scorso 29 giugno, che ci aveva fatto ben sperare su una positiva evoluzione della situazione - aggiungono i sindacalisti - e come volevasi dimostrare, però, sembra che qualcun…

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…