Passa ai contenuti principali

Cultura. Messina (Ugl Sicilia), discontinuità dal governo per rilancio rete teatri, chiarezza su FOSS

“La cultura in Sicilia, terra che ha dato la luce ad artisti di fama mondiale, rischia il collasso con prevedibili ripercussioni su ogni futuro sforzo di rilancio economico, produttivo e socio-culturale. 
Chiediamo al Governo regionale di mettere in campo ogni utile iniziativa, con azioni di sistema come un’Agenzia regionale della cultura, per rilanciare i poli culturali siciliani a cominciare dai teatri di Palermo e Catania, veicolo straordinario per sviluppare l’industria primaria siciliana che è il turismo ed i settori collegati”. 
A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia. 
“Serve per esempio un cambio di marcia, in discontinuità col recente passato, nella gestione della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana - precisa il sindacalista - perché in caso contrario proseguirà incessante la sua lenta, progressiva ed inarrestabile scomparsa dal panorama artistico/culturale, regionale e nazionale”. 
“Come Ugl – aggiunge - da mesi sosteniamo che urge un intervento delle istituzioni preposte alla gestione politica, amministrativa ed artistica della Fondazione per fare chiarezza sulle scelte degli ultimi anni che hanno finito col danneggiare la credibilità dell’istituzione”. 
“Ugl in una nota indirizzata al Governatore – sostiene Messina - chiediamo chiarezza e trasparenza nella gestione amministrativa, del personale, dei rapporti con i lavoratori e sull’utilizzo dei fondi pubblici della Fondazione, per invertire l’operato, al nostro sindacato sconosciuto, dell’attuale dirigenza che ha creando insanabili diaspore interne, per scongiurare l’eventuale accumulo di debiti ed il possibile fallimento di qualsiasi progetto di reale rilancio artistico ed arrestare il declino degli ultimi cinque anni”. 
“L’ente autonomo regionale, Teatro Massimo “Vincenzo Bellini”, di Catania, polo culturale tra i più importanti d’Italia nel campo della musica classica – precisa il Segretario Ugl Sicilia - soffre la mancanza di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria a carico del Comune di Catania che da alcuni anni non esegue lavori sostanziali. Tale situazione ha pregiudicato in parte l’agibilità dei locali, ridotti necessariamente per motivi di sicurezza, penalizzando un numero considerevole di posti a sedere con la conseguenza di minori incassi. Per l’Ugl – prosegue - la mancanza di liquidità, dovuta al ritardo nel trasferimento dei contributi, crea ripetutamente disagio nella puntuale erogazione delle retribuzioni al personale, appesantiti dal mancato sostegno economico da parte della Città Metropolitana di Catania e del Comune etneo. 
Il Teatro Stabile di Catania soffre un costante ritardo nella erogazione delle retribuzioni in favore del personale. E’ necessario un intervento per mettere in sicurezza i conti e rilanciare il ruolo strategico nel panorama culturale nazionale il Teatro”. 
“A nostro modesto avviso – conclude - è necessaria una centralità nella programmazione della cultura siciliana, mettendo a sistema il circuito teatrale, l’immenso patrimonio archeologico ed il circuito turistico per realizzare un polo produttivo d’eccellenza in grado di creare reale e stabile occupazione e ricchezza; in questo è determinante la scelta politica del Governo regionale per rilanciare il settore, fondamentale per il PIL della Sicilia”. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Forestali: vittoria dell’UGL Sicilia, riconosciuta la mansione superiore di Capo Squadra ai lavoratori A.I.B., la Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la Sentenza emessa dal Giudice del Lavoro di Enna

La Corte di Appello di Caltanissetta ha respinto l’appello proposto dall’Assessorato del Territorio e dall’Assessorato dell’Agricoltura avverso le sentenze emesse dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Enna che avevano riconosciuto la mansione superiore di caposquadra ai lavoratori forestali dell’antincendio boschivo, nominati preposti alla sicurezza. L’affermazione in grado di appello del diritto dei lavoratori forestali, che non ha precedenti, rappresenta il culmine di una battaglia intrapresa dal sindacalista Francesco (nella foto in alto) Arena dell’UGL con l’avvocato Carmelo Sebeto (nella foto in basso)  del foro di Enna. Gli assessorati regionali, nell’anno 2014, avevano provveduto a formare e nominare alcuni lavoratori delle squadre dell’antincendio boschivo preposti alla sicurezza, nonostante la squadra di operai fosse sfornita del caposquadra, conferendo agli stessi enormi oneri e responsabilità ma senza riconoscere, di contro, alcun adeguamento retributivo e professionale. …

Pesca. Messina (Ugl), pronta riforma del settore. Apprezzamento del sindacato

"Apprezziamo la presentazione del disegno di legge di riforma del settore della pesca professionale. Il Governo Musumeci ha dato un segnale forte ed inequivocabile ai pescatori ed alle imprese di pesca, dopo dieci anni di disinteresse della politica nel settore, a conferma del Buon lavoro in pochi mesi svolto dall'Assessore Bandiera, uomo sensibile e e vocato all'ascolto, a differenza di altri della giunta regionale ancora poco sensibili a questa antica e preziosa arte della politica e del dirigente generale Cartabellotta". A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia a margine della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca che si è tenuta ieri pomeriggio presso la Sala Alessi a Palazzo D'Orleans, sede del governo della Regione Siciliana, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, degli assessori dell'Agricoltura, Edy Bandiera, del Territorio e Ambiente, Totò Cordaro e dei dirigenti generali all…

De Ninnis nominato Coordinatore UGL delle politiche sindacali comparto CC.I.AA

“Nell’ottica di un rinnovamento e migliore efficienza dell’attività sindacale, utile ai rapporti con le Camere di Commercio e le politiche di riferimento Regionali, considerato il nuovo assetto organizzativo delle CC.I.AA. della Sicilia, e la complessità delle competenze e dei nuovi confini territoriali di cui occuparsi, che hanno reso più difficoltoso il ruolo dei sindacalisti aziendali nell’espletamento del proprio ruolo istituzionale, Fabio De Ninnis è stato nominato Coordinatore delle politiche sindacali e dei rapporti con l’Assemblea Regionale Siciliana per il comparto delle CC.I.AA”. Questo è quanto si legge in una nota dell’UGL FNA a firma del Commissario regionale, Ernesto Lo Verso, che aggiunge “ De Ninnis, da ventuno anni svolgere egregiamente il proprio ruolo di Dirigente sindacale, contribuendo una costante crescita degli iscritti, adoperandosi con dedizione e professionalità a rendere più concreta e funzionale l’azione sindacale, auguro buon lavoro e nuove conquist…