Passa ai contenuti principali

Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana. Enna (UGL): condividiamo il sollevamento di Pace ad opera dell’Assessore Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Sandro Pappalardo


“Le osservazioni riportate in alcuni articoli di stampa recentemente diramati, riguardanti il sollevamento dall’incarico di Sovrintendente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana (FOSS) di Giorgio Pace sono non corrispondenti alla realtà dei fatti, al rispetto dei diritti dei Lavoratori e delle procedure previste dal vigente ordinamento ”.
A dichiararlo è il Segretario provinciale dell’UGL Spettacolo, Cristina Enna. 
“L’UGL, contrariamente a quanto dichiarato da CIGL, CISL, UIL e FIALS, - spiega la sindacalista - ritiene che il provvedimento adottato dall’Assessore Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Sandro Pappalardo, sia perfettamente in linea con il dettato normativo che regola la vita e l’organizzazione della Fondazione e ristabilisce, pertanto, criteri di imparzialità, legalità e rispetto delle prerogative di ciascun organo di governo. 
In particolare lo Statuto della Fondazione non contempla alcuna ipotesi di permanenza del Sovrintendente in caso di dimissioni della maggioranza dei membri del Consiglio di Amministrazione, e, da un parere legale richiesto dal dimissionario Consiglio di Amministrazione, la posizione del Dott. Pace, risulterebbe non conforme al vigente dettato normativo anche per la parte relativa al percepimento degli emolumenti incassati dopo il superamento dei limiti di età”. 
“E’ doveroso - sottolinea - che, il più volte invocato e presunto riequilibrio dei conti della Fondazione, è da imputare alla generosa apertura di credito operata dalla Regione Siciliana attraverso l’autorizzazione ad attivare le procedure per l’erogazione di un mutuo a copertura dell’esposizione debitoria maturata negli ultimi anni. Misura, questa che, in ogni caso, non può essere ascritta alle miracolistiche capacità di moltiplicazione delle risorse finanziarie da parte del Sovrintendente; non può essere considerata ulteriore voce in entrata nel bilancio; può, sicuramente, essere considerata, ostacolo a un agognato quanto atteso rinnovo contrattuale:nessun aumento nelle buste paga da circa oltre vent’anni. 
Quindi, incide direttamente e/o indirettamente sulle retribuzioni dei dipendenti, non può essere considerato atteggiamento virtuoso e, dulcis in fundo, non può rientrare nella categoria dei “miracoli” quello di pagare regolarmente gli stipendi”! 
“La nostra Organizzazione Sindacale - aggiunge - , nonostante le numerose segnalazioni e comunicazioni scritte e verbali inviate ai vertici della Fondazione, esprime forte preoccupazione per le continue pressioni esercitate su Dipendenti e organi di governo interni ed esterni, tese a mantenere una condizione di instabilità, divisione e precarietà artistica, amministrativa e organizzativa che lasciano presagire oscuri e inquietanti scenari. 
Tutto questo confligge con una auspicata visione virtuosa e sinergica del sistema in cui un territorio straordinariamente ricco di bellezze naturali e opere d’arte, unitamente a modelli musicali di alta qualità, costituiscono solida base per un reale rilancio non solo dell’Orchestra Sinfonica Siciliana ma dell’intera nostra Regione: arte come volano dell’economia reale”. 
“Nella convinzione più assoluta - conclude Enna - che il Sindacato debba sempre e comunque esercitare una corretta funzione di difesa dei diritti e dei doveri dei Lavoratori e non preoccuparsi di tracciare e/o indicare il perfetto identikit della sua naturale ‘controparte’, restiamo in attesa di conoscere, speriamo in tempi brevi, la formazione del nuovo Consiglio di Amministrazione e, conseguentemente, del nuovo Sovrintendente. 
Auspicando un ritrovato senso della misura e della decenza da parte di tutti gli attori di questa vicenda, esprimiamo solidarietà, sostegno e vicinanza a quanti hanno sinceramente a cuore le sorti della Fondazione, pronti a intraprendere iniziative di qualsiasi natura utili a sostenere e difendere diritti e libertà di espressione sanciti dalla nostra Costituzione” e contrastare atti di prevaricazione e atteggiamenti clientelari”. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Eletto Franco Fasola alla guida dell'UGL di Palermo

Cambio di testimone alla guida dell’UGL - Unione Territoriale del Lavoro di Palermo. Alla presenza di numerosissimi ospiti del mondo della politica, sindacale e sociale, i delegati partecipanti al IV congresso, che si è celebrato a Palermo sabato 29 settembre 2018, presso l’Hotel Federico II, in Via Principe di Granatelli n° 60, hanno eletto Franco Fasola, nuovo Segretario provinciale dell’UGL di Palermo. Fasola già Commissario dell’UGL di Trapani prende il posto dell’uscente Commissario, Giuseppe Messina, attuale Segretario regionale in Sicilia dell’Ugl. Il tema del congresso è stato: “La Dignità è la forza del lavoro” – Ricostruiamo Palermo dalla Cultura. Presenti il Segretario Generale dell’UGL, Francesco Paolo Capone, e il Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno, Giovanni Condorelli. Fra i numerosi ospiti, hanno anche partecipato l’Assessore regionale all’istruzione e alla Formazione, Roberto Lagalla, l’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro e l’A…

Panineria Di Martino. Fiorino (UGL Terziario): “Grande vittoria del sindacato, annullato dal Tribunale di Palermo licenziamento lavoratore”

Un lavoratore iscritto all’Organizzazione Sindacale UGL dipendente della società cooperativa M.A.G. ed in servizio (in regime di fornitura di manodopera) presso famosa panineria “Di Martino”, in data 18.04.18 mentre svolgeva la propria attività lavorativa è stato improvvisamente licenziato in tronco per aver asseritamente assunto un “comportamento non consono a quanto previsto dalla normativa in merito all’atteggiamento ed ai toni da tenere sul luogo di lavoro”. “Questo è l’antefatto di una importante vittoria del sindacato - dichiara Letizia Fiorino- Segretario Provinciale dell’UGL Terziario di Palermo - la nostra azione si è svolta di concerto con il nostro Studio Legale rappresentato dagli Avvocati Ignazio Fiore, Andrea Pirrello e Giuseppe Varisco i quali hanno prontamente impugnato il licenziamento dimostrando come tale atto epurativo dovesse essere ricondotto all’interno del più ampio genus del licenziamento ontologicamente disciplinare, e quindi dovesse essere qualificat…

Banche in Sicilia. Allarme sportelli, per l’Ugl grave errore abbandonare i piccoli centri

In Italia sempre meno filiali e meno sportelli aperti al pubblico.  Continua la trasformazione delle banche italiane: nei prossimi tre anni si prevedono altre 3mila chiusure ed i sindacati di categoria lanciano l'allarme. Il Sud Italia dove risulta una forte concentrazione di Filiali appare particolarmente colpito, in Sicilia il malessere è evidenziato dall’Ugl, che denuncia l’abbandono dei piccoli centri e l’indifferenza nei confronti degli anziani. 
“Siamo molto preoccupati per la regione Sicilia – dichiara Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – siamo testimoni di una desertificazione sul territorio degli sportelli bancari, riteniamo la politica dei grandi gruppi bancari di abbandonare la nostra isola chiudendo ed in taluni casi accorpando gli sportelli bancari un gravissimo errore, con ricadute dal punto di vista occupazionale, infatti i grandi gruppi bancari preferiscono assumere nel ricco nord ovest e nord est dell’Italia e non nella nostra regione”. 
“…