Passa ai contenuti principali

Panineria Di Martino. Fiorino (UGL Terziario): “Grande vittoria del sindacato, annullato dal Tribunale di Palermo licenziamento lavoratore”

Un lavoratore iscritto all’Organizzazione Sindacale UGL dipendente della società cooperativa M.A.G. ed in servizio (in regime di fornitura di manodopera) presso famosa panineria “Di Martino”, in data 18.04.18 mentre svolgeva la propria attività lavorativa è stato improvvisamente licenziato in tronco per aver asseritamente assunto un “comportamento non consono a quanto previsto dalla normativa in merito all’atteggiamento ed ai toni da tenere sul luogo di lavoro”.
“Questo è l’antefatto di una importante vittoria del sindacato - dichiara Letizia Fiorino- Segretario Provinciale dell’UGL Terziario di Palermo - la nostra azione si è svolta di concerto con il nostro Studio Legale rappresentato dagli Avvocati Ignazio Fiore, Andrea Pirrello e Giuseppe Varisco i quali hanno prontamente impugnato il licenziamento dimostrando come tale atto epurativo dovesse essere ricondotto all’interno del più ampio genus del licenziamento ontologicamente disciplinare, e quindi dovesse essere qualificato come totalmente illegittimo per insussitenza del fatto addebitato, nonché per inesistenza di qualsivoglia contestazione, con conseguente diritto alla tutela reale piena”. 
Il Tribunale di Palermo - sezione lavoro-, accogliendo la tesi difensiva degli avvocati giuslavoristi e nonostante l’applicabilità della normativa di minor favore per il lavoratore (jobs act), ha ritenuto che il mero riferimento ad un “comportamento non consono” non raggiunge la soglia minima di identificabilità di un fatto materiale eventualmente censurabile e, pertanto, qualificando il caso di specie come rientrante nella peculiare ipotesi di cui all’art. 3 comma 2 del d.lgs. 23/2015, ha condannato il datore di lavoro (M.A.G. soc. coop.) “alla reintegra del ricorrente nel posto di lavoro ed al pagamento dell’indennità risarcitoria commisurata all’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto corrispondente al periodo dal giorno del licenziamento fino a quello dell’effettiva reintegrazione” (ordinanza del 19.12.2018, trib. Palermo -sez. lav.-).
Per la nostra Federazione del Terziario UGL - conclude Fiorino – è una grande vittoria, pertanto accogliamo il risultato ottenuto con grande soddisfazione, affermando ancora una volta il nostro impegno nell’assicurare costanti garanzie al lavoratore e tutele del posto di lavoro, a fronte di comportamenti illegittimi mantenuti dai datori di lavoro spesso animati da esclusivo intento epurativo”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Collegato. Ugl, da Ars responsabilità per varo norma ex province e Tpl

“Siamo certi che il parlamento siciliano saprà con senso di responsabilità approvare nelle prossime ore la norma che sblocca le risorse per garantire il trasporto pubblico locale siciliano fino al 31 dicembre 2019”. Ad affermarlo Giuseppe Scannella, Segretario regionale Ugl Autoferrotranvieri. “Dopo la corsa ad ostacoli del governo regionale che ha portato alla revisione degli accordi scellerati sottoscritti a perdere dal precedente esecutivo siciliano ed al varo della norma da parte del parlamento nazionale, - prosegue Scannella - adesso tocca all'Assemblea regionale siciliana fare la sua parte per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini ed il rilancio dei territori dell'Isola, avviando i cantieri per gli interventi infrastrutturali”. “La norma, contenuta nel cosiddetto "collegato" in discussione a Sala d'Ercole potrà e dovrà essere votata con immediatezza dai deputati siciliani senza indugi - chiarisce Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicili…

Le RSU SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, UGL TLC incontrano Almaviva, è buio pesto

Il 4 di giugno si è tenuto un incontro tra i sindacati con il collegio RSU ed Almaviva presso la sede di Sicindustria Palermo.  “Visto il persistere della situazione di calo di volumi in generale su tutto il sito ed in particolare sulle commesse Tim e Wind Tre, l’Azienda ha comunicato alle Organizzazioni sindacali ed alle RSU l’apertura unilaterale della procedura finalizzata all’accesso al fondo di integrazione salariale ( assegno ordinario ) per il periodo dal 01 Luglio al 30 Novembre 2019, con percentuali differenziate per commessa, 60% Tim / Wind Tre , 35% tutte le altre commesse, 30% lo staff operativo e trasversale – si legge in una nota congiunta delle RSU SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL e UGL TLC – è stato rappresentato all’Azienda una fortissima contrarietà a questa azione unilaterale per procedere successivamente alla richiesta di esame congiunto previsto dalla procedura in cui entreremo nel merito della comunicazione odierna”.  “Abbiamo sottolineato inoltre – ag…

Per le aziende di Palermo tavoli di crisi in emergenza, Fasola (Ugl): “L’inaspettata crisi di Governo ci ha dato il colpo di grazia”

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione, attraverso la Struttura per le Crisi d’Impresa, strumenti per sostenere le aziende in difficoltà che in Italia oramai si avviano a raggiungere il numero di 200.  Sulla carta appare tutto perfetto, ma non è così!  Con il nuovo Governo ci si aspettava un bagno di umiltà ed una ripartenza con la giusta marcia, tavolo di crisi è un’espressione purtroppo ormai consolidata nella gestione delle crisi aziendali in Italia, ma con risoluzioni pari a zero.  Ricordiamo che sono gestite dal Mise, convocati periodicamente partecipano i dirigenti del ministero incaricati di seguire la politica industriale, i rappresentanti dell’azienda e del sindacato.  Gli incontri si concludono con la definizione di un verbale che tiene conto dello stato dell’arte relativo a procedure di mobilità, riorganizzazione o ristrutturazione.  Situazioni di difficoltà che ormai caratterizzano molti settori dalla siderurgia all'agroalimentare, con le cresc…