Passa ai contenuti principali

Come riconoscere le azioni di Mobbing


E’ noto che la giurisprudenza italiana ha affrontato la questione mobbing, sia pure tardivamente. Si può, comunque, pacificamente affermare che la norma applicata con maggiore frequenza è quella di cui all’art. 2103 c.c.
Essa impone al datore di lavoro di destinare il lavoratore a mansioni confacenti alla sua qualifica professionale, salvo il caso di destinazione a mansioni superiori.
Infatti, una delle condotte mobbizzanti più usate dal mobber o dai mobbers è proprio la sottoutilizzazione del lavoratore dipendente, in relazione alle sue mansioni previste giuridicamente.
Da ciò può scaturire il danno esistenziale, definito come la violazione del diritto alla qualità della vita ed alla libera estrinsecazione della personalità, con modificazioni peggiorative nella sfera personale del soggetto leso.
Accade non di rado, fra l’altro, che le Aziende non prendano posizione allo scopo di dirimere il conflitto ed ottenere, quindi, una risoluzione del dissenso ,comunque, posto in essere dalle parti. Ovverosia, talora, accade che alcuni quadri dirigenziali, presenti in Azienda, pur potendo intervenire, preferiscono la strada dell’omissione.
Infatti, vi sono stati casi di mobbing la cui conoscenza era palese a diversi componenti dell’ufficio e/o azienda.
L’altra condotta, troppo spesso posta in essere, dai mobbers, è riferita all’illegittima irrogazione di sanzioni disciplinari. In ogni caso, qualunque siano le pratiche vessatorie, discriminatorie e persecutorie del mobbing, il problema principale è costituito dalla incapacità a difendersi dei lavoratori, i quali si sentono sottoposti agli altri in un quadro di relazioni intersoggettive e d’insieme, come quello che si realizza e concretizza in Azienda.
A tal proposito si raccomanda, in modo pedissequo e reiterato, di rivolgersi sempre, con l’insorgere dei primi segnali mobbizzanti, agli uffici interessati, siano essi all’interno delle Organizzazioni Sindacali, siano essi all’interno degli Uffici Centrali, sotto forma di sportelli d’ascolto.
Giova, quindi, rammentare che Giovanni Condorelli Segretario Generale UGL Sicilia ha istituito un Ufficio Mobbing che ha affidato a Dario Calcara cui è possibile rivolgersi in qualsiasi momento contattando gli uffici della URL.

Il Coord. Regionale Mobbing UGL Sicilia
( Dario Calcara - nella foto )

Commenti

Post popolari in questo blog

Smart Working e Telelavoro. Virzì/Loddo (Inail): “La differenza è sostanziale, bisogna prevenire e vigilare"

Pur riconoscendo ad alcune aziende come Enel e UniCredit così come tante altre in questa particolare situazione d’incertezza e confusione, alcune utili ed appropriate modifiche gestionali nei processi aziendali, soprattutto la diffusione del lavoro agile fra i lavoratori, non possiamo fare a meno che rilevare che l’utilizzo del lavoro smart è caldeggiata dal management, soprattutto per due semplici motivazioni economiche, l’aumento della produttività e la riduzione dei costi”. A dichiaralo sono Filippo Virzì e Raffaele Loddo membri componenti del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo a rappresentanza dei lavoratori per il sindacato Ugl. “La spinta alla digitalizzazione e all’innovazione tecnologica sarà sempre più forte e necessaria – spiegano i rappresentanti del Comitato Inail – ma attenzione si prefigura una evidente modifica strutturale dello svolgimento dell’attività lavorativa, assimilando la prestazione del dipendente a quella tipica del telelavoro, con tutt

Palermo. Il 27 luglio convegno organizzato dall’Ugl: «Qualità dell’Aria, Qualità del Lavoro»

Nella giornata di lunedì  27 luglio 2020  avrà luogo a  Palermo  a partire dalle ore 16,00 presso la sala “Conference Hall” dell’Hotel Federico II° in Via Principe di Granatelli  60,  l’incontro dal tema:   “Qualità dell’Aria, Qualità del Lavoro. Lo sviluppo della Sicilia attraverso la tutela dell’ambiente e del lavoro” . L’evento sarà trasmesso in diretta streaming  sulla pagina ufficiale Facebook UGL Chimici: https://www.facebook.com/UGL-Chimici-265309010190811/ Parteciperanno: Francesco Paolo CAPONE  – Segretario Generale Ugl; Luigi ULGIATI  – Segretario Nazionale Ugl Chimici; Giovanni CONDORELLI  – Segretario Confederale Ugl Responsabile Mezzogiorno; Giuseppe MESSINA  – Segretario Ugl Url Sicilia; Franco FASOLA  – Segretario Ugl Utl Palermo; Gaetano ARMAO  – Vice Presidente Regione Siciliana e Assessore regionale Economia; Salvatore CORDARO  – Assessore regionale Territorio e Ambiente; Girolamo TURANO  – Assessore alle Attività Produttive; Al

UGL, DOPO LA POLVERINI LA TRIPLICE

Obiettivo: fare con Cisl e Uil i contratti dei dipendenti pubblici Evidentemente sbagliava chi ha pensato che, andata via Renata Polverini, l'Ugl si sarebbe spenta, rientrando nel grigiore dei numeri che la vedono in fondo alla classifica della rappresentatività sindacale. Un grigiore da cui, nel giro di pochi anni, l'attuale presidente della regione Lazio l'aveva tirata fuori, a colpi di una posizione barricadera al fianco dei lavoratori eppure dialogante con il governo, una strategia comunicativa penetrante e una buona dose di intraprendenza (si racconta di come si sia infilata in un vertice a palazzo Chigi tra governo e parti sociali a cui non era stata inzialmente invitata, e poi non sia più andata via). Il miracolo della Polverini continua a dispiegare i suoi effetti ancora oggi, a sei mesi dal suo addio. A tenere le sorti della sigla vicina alla destra è Giovanni Centrella (nella foto), 45 anni, irpino doc, ex responsabile per i metalmeccanici, uomo di fiducia de