Passa ai contenuti principali

GESIP, ACCORDO RAGGIUNTO PER CIG MA SERVONO PIÙ FONDI DA ROMA

Al termine  a Palazzo d’Orleans di un vertice durato quasi due ore tenutosi il 18.03.2013,  le parti sociali hanno raggiunto un accordo con il comune di Palermo e la Regione siciliana per la concessione di sei mesi di cassa integrazione alla Gesip, ma contestualmente chiederanno al ministro Fornero maggiori risorse per la Cig siciliana.


http://livesicilia.it/wp-content/uploads/2013/03/Vertice-Gesip.jpg
PALERMO - Rischiava di trasformarsi in un altro vertice a vuoto, e invece sul finire è arrivato a sorpresa l'impegno del governatore Crocetta: sì a sei mesi di Cig per la Gesip, indipendentemente dalle decisioni del governo nazionale. E nonostante la contrarietà di una buona fetta delle parti sociali presenti al tavolo.

Questo l'epilogo di un summit cominciato intorno alle 19 del 18.03.2013  e protrattosi fino alle 21 passate, che ha messo intorno a uno stesso tavolo la Regione, rappresentata anche dall'assessore Ester Bonafede, il sindaco Orlando, accompagnato dal vice Lapiana e dall'assessore Abbonato, e 21 parti sociali e datoriali. E il tema era sempre quello: trovare una soluzione definitiva alla vertenza Gesip, così come aveva annunciato il governatore.
Governatore che, per inciso, ha fatto aspettare e non poco i suoi ospiti, arrivando a Palazzo d'Orleans con due ore e mezza di ritardo, mentre in piazza centinaia di operai sostavano silenziosamente (a parte qualche petardo), controllati a vista da uno spiegamento di forze dell'ordine assai più nutrito che in passato, probabilmente per evitare il ripetersi dei tafferugli di venerdì scorso. Una presenza, quella dei lavoratori, così massiccia da aver giocato un ruolo fondamentale nell'esito del vertice.
L'aria, all'interno della sala Alessi, non era delle migliori con un muro contro muro fra Comune e sindacati autonomi da un lato e confederali e parti datoriali dall'altro, con questi ultimi contrari a concedere deroghe solo per Gesip e senza l'adeguata copertura finanziaria. Il rischio, infatti, era che tutto fosse subordinato a un ennesimo viaggio della speranza a Roma, ma con il cambio di governo alle porte i tempi rischiavano di allungarsi inesorabilmente.
Ma alla fine, come detto, Crocetta si è imposto e a dispetto delle perplessità di alcuni firmatari dell'accordo quadro ha deciso per sei mesi di Cig: un risultato che forse neanche il sindaco si aspettava, ma che alla fine lo ha accontentato almeno in parte. L'attuale accordo quadro, infatti, regola la Cig per soli sei mesi, quindi di più Gesip non avrebbe potuto ricevere, e inoltre dovrebbe coprire il lasso di tempo necessario perché il Parlamento a Roma dia la fiducia a un nuovo esecutivo. Adesso toccherà a Crocetta riunire i 21 firmatati dell'accordo, forse mercoledì 27, per ratificare il tutto, ma è significativo che il presidente abbia dato per scontato il via libera alla Cig sebbene serva un passaggio formale per modificare l'accordo. E non è detto che questo arrivi con facilità: alcune parti sociali, infatti, sono ancora decise ad estendere le deroghe a tutte le aziende escluse e solo con più fondi romani. Forse anche per questo Crocetta ha promesso, insieme ad Orlando, di sostenere la richiesta dei sindacati di chiedere al ministro Fornero maggiori risorse per la Cig rispetto ai 129 milioni attuali (108 del fondo di coesione e 21 dati da Roma).
"E' stata premiata la posizione dell'Ugl - dice Claudio Marchesini - c'è stato l'impegno del presidente Crocetta che ha convocato tutte le parti sociali per la prossima settimana. Finalmente le nostre richieste sono state accolte".

Commenti

Post popolari in questo blog

Smart Working e Telelavoro. Virzì/Loddo (Inail): “La differenza è sostanziale, bisogna prevenire e vigilare"

Pur riconoscendo ad alcune aziende come Enel e UniCredit così come tante altre in questa particolare situazione d’incertezza e confusione, alcune utili ed appropriate modifiche gestionali nei processi aziendali, soprattutto la diffusione del lavoro agile fra i lavoratori, non possiamo fare a meno che rilevare che l’utilizzo del lavoro smart è caldeggiata dal management, soprattutto per due semplici motivazioni economiche, l’aumento della produttività e la riduzione dei costi”. A dichiaralo sono Filippo Virzì e Raffaele Loddo membri componenti del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo a rappresentanza dei lavoratori per il sindacato Ugl. “La spinta alla digitalizzazione e all’innovazione tecnologica sarà sempre più forte e necessaria – spiegano i rappresentanti del Comitato Inail – ma attenzione si prefigura una evidente modifica strutturale dello svolgimento dell’attività lavorativa, assimilando la prestazione del dipendente a quella tipica del telelavoro, con tutt

Palermo. Il 27 luglio convegno organizzato dall’Ugl: «Qualità dell’Aria, Qualità del Lavoro»

Nella giornata di lunedì  27 luglio 2020  avrà luogo a  Palermo  a partire dalle ore 16,00 presso la sala “Conference Hall” dell’Hotel Federico II° in Via Principe di Granatelli  60,  l’incontro dal tema:   “Qualità dell’Aria, Qualità del Lavoro. Lo sviluppo della Sicilia attraverso la tutela dell’ambiente e del lavoro” . L’evento sarà trasmesso in diretta streaming  sulla pagina ufficiale Facebook UGL Chimici: https://www.facebook.com/UGL-Chimici-265309010190811/ Parteciperanno: Francesco Paolo CAPONE  – Segretario Generale Ugl; Luigi ULGIATI  – Segretario Nazionale Ugl Chimici; Giovanni CONDORELLI  – Segretario Confederale Ugl Responsabile Mezzogiorno; Giuseppe MESSINA  – Segretario Ugl Url Sicilia; Franco FASOLA  – Segretario Ugl Utl Palermo; Gaetano ARMAO  – Vice Presidente Regione Siciliana e Assessore regionale Economia; Salvatore CORDARO  – Assessore regionale Territorio e Ambiente; Girolamo TURANO  – Assessore alle Attività Produttive; Al

UGL, DOPO LA POLVERINI LA TRIPLICE

Obiettivo: fare con Cisl e Uil i contratti dei dipendenti pubblici Evidentemente sbagliava chi ha pensato che, andata via Renata Polverini, l'Ugl si sarebbe spenta, rientrando nel grigiore dei numeri che la vedono in fondo alla classifica della rappresentatività sindacale. Un grigiore da cui, nel giro di pochi anni, l'attuale presidente della regione Lazio l'aveva tirata fuori, a colpi di una posizione barricadera al fianco dei lavoratori eppure dialogante con il governo, una strategia comunicativa penetrante e una buona dose di intraprendenza (si racconta di come si sia infilata in un vertice a palazzo Chigi tra governo e parti sociali a cui non era stata inzialmente invitata, e poi non sia più andata via). Il miracolo della Polverini continua a dispiegare i suoi effetti ancora oggi, a sei mesi dal suo addio. A tenere le sorti della sigla vicina alla destra è Giovanni Centrella (nella foto), 45 anni, irpino doc, ex responsabile per i metalmeccanici, uomo di fiducia de