Passa ai contenuti principali

MEZZOGIORNO: DI MARTINO (UGL), "IL SUD E LA SICILIA ANCORA LONTANI DALLA RIPRESA"

"Ancora una volta sottolineamo come il Sud e la Sicilia siano lontani dal traguardo della ripresa, e come siano scomparsi dall' agenda di governo, una seria Programmazione socio-economica, con progetti e investimenti a breve, medio e lungo termine che possano incrementare lavoro e imprese , vedi ad esempio l' ultimo DPEF. -- Lo afferma Gianna Dimartino, Reggente di UGL Ragusa.-- Il nostro sindacato UGL è stato il primo a denunciare questa grave prospettiva ed il primo sindacato a parlare di rilancio del Mezzogiorno con proposte concrete e realizzabili , diffuse a livello nazionale sia lo scorso anno sia in questi mesi, attraverso l'iniziativa "Sud Act 2016" . I continui annunci di chiusure di imprese, i conseguenti licenziamenti di lavoratori , gli ormai estenuanti ricorsi alleAbbiamo conferma ulteriore per le nostre fondate preoccupazioni, anche analizzando il rapporto semestrale previsionale sull’economia del Mezzogiorno, pubblicato qualche giorno fa dalla Fondazione Curella, da cui si evince che dal 2008 ad oggi sarebbero scomparse dal territorio economico del Sud e Isole piu’ di 60 mila imprese". 
Si sottolinea che la flessione delle imprese artigiane ha coinvolto tutte le regioni del Mezzogiorno, in Sicilia si registra al -2,1%. Le Startup innovative iscritte a fine dicembre 2015 nella sezione speciale del Registro Imprese ammontano a 1.200 nel Sud/Isole; l’area meridionale e insulare consegue un incremento di 348 unita’ (+42,1%). Le Startup iscritte nel Sud e Isole rappresentano il 22,8% del totale nazionale. Sia gli investimenti in costruzioni sia quelli in beni strumentali avrebbero mantenuto livelli deludenti, La domanda interna ha mostrato cauti segni di ripresa dal lato dei consumi famigliari (+0,5% in volume) quanto da quello degli investimenti (+1,0%). La spesa familiare in quantita’ resta comunque bloccata sui livelli di vent’anni fa, la spesa in conto capitale sprofonda letteralmente, diminuendo di quasi il 40% rispetto al 2007. Il contributo della domanda estera e’ positivo anche se modesto: le esportazioni di merci crescono del 4,0% in termini monetari, dopo due flessioni precedenti, le importazioni scendono (del 5,6%) .
Per il quarto anno di seguito. Agricoltura, silvicoltura e pesca recupera le forti perdite dell’anno precedente, chiudendo il 2015 con una crescita del 5,5%. Il ramo delle costruzioni registra un timido incremento dell’1,5%.Sul mercato del lavoro persiste ancora una situazione di gravi difficoltà, e nei prossimi sei mesi la crescita dell’occupazione decelerera’ e la flessione della disoccupazione rallentera’. La domanda di lavoro aumentera’ dell’1,2%, Il tasso di disoccupazione restera’ elevato, al 18,6%, pari a 2,2 volte il tasso del Centro/Nord. Dopo lo scossone inflitto dalla recessione, il motore dell’economia appare seriamente danneggiato, e il rilancio al ritmo di lumaca ne e’ un esempio calzante. (fonte Fondazione Curella) .Purtroppo in Sicilia registriamo nel primo trimestre 2016, una disoccupazione giovanile al 55,9% ( al pari della Calabria), mentre il tasso di disoccupazione dei cittadini compresi fra i 20 ed i 64 anni superiore al 41% .In Sicilia c’è uno dei tassi di occupazione femminile più bassi d’Europa: lavora infatti solo il 34,7%, dato che scende ancora al 21 % per le giovani donne. La disoccupazione giovanile in Italia è arrivata al 41,6% e in Sicilia oltre al 50%:dati fortemente allarmanti.


Commenti

Post popolari in questo blog

Smart Working e Telelavoro. Virzì/Loddo (Inail): “La differenza è sostanziale, bisogna prevenire e vigilare"

Pur riconoscendo ad alcune aziende come Enel e UniCredit così come tante altre in questa particolare situazione d’incertezza e confusione, alcune utili ed appropriate modifiche gestionali nei processi aziendali, soprattutto la diffusione del lavoro agile fra i lavoratori, non possiamo fare a meno che rilevare che l’utilizzo del lavoro smart è caldeggiata dal management, soprattutto per due semplici motivazioni economiche, l’aumento della produttività e la riduzione dei costi”. A dichiaralo sono Filippo Virzì e Raffaele Loddo membri componenti del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo a rappresentanza dei lavoratori per il sindacato Ugl. “La spinta alla digitalizzazione e all’innovazione tecnologica sarà sempre più forte e necessaria – spiegano i rappresentanti del Comitato Inail – ma attenzione si prefigura una evidente modifica strutturale dello svolgimento dell’attività lavorativa, assimilando la prestazione del dipendente a quella tipica del telelavoro, con tutt

Palermo. Il 27 luglio convegno organizzato dall’Ugl: «Qualità dell’Aria, Qualità del Lavoro»

Nella giornata di lunedì  27 luglio 2020  avrà luogo a  Palermo  a partire dalle ore 16,00 presso la sala “Conference Hall” dell’Hotel Federico II° in Via Principe di Granatelli  60,  l’incontro dal tema:   “Qualità dell’Aria, Qualità del Lavoro. Lo sviluppo della Sicilia attraverso la tutela dell’ambiente e del lavoro” . L’evento sarà trasmesso in diretta streaming  sulla pagina ufficiale Facebook UGL Chimici: https://www.facebook.com/UGL-Chimici-265309010190811/ Parteciperanno: Francesco Paolo CAPONE  – Segretario Generale Ugl; Luigi ULGIATI  – Segretario Nazionale Ugl Chimici; Giovanni CONDORELLI  – Segretario Confederale Ugl Responsabile Mezzogiorno; Giuseppe MESSINA  – Segretario Ugl Url Sicilia; Franco FASOLA  – Segretario Ugl Utl Palermo; Gaetano ARMAO  – Vice Presidente Regione Siciliana e Assessore regionale Economia; Salvatore CORDARO  – Assessore regionale Territorio e Ambiente; Girolamo TURANO  – Assessore alle Attività Produttive; Al

UGL, DOPO LA POLVERINI LA TRIPLICE

Obiettivo: fare con Cisl e Uil i contratti dei dipendenti pubblici Evidentemente sbagliava chi ha pensato che, andata via Renata Polverini, l'Ugl si sarebbe spenta, rientrando nel grigiore dei numeri che la vedono in fondo alla classifica della rappresentatività sindacale. Un grigiore da cui, nel giro di pochi anni, l'attuale presidente della regione Lazio l'aveva tirata fuori, a colpi di una posizione barricadera al fianco dei lavoratori eppure dialogante con il governo, una strategia comunicativa penetrante e una buona dose di intraprendenza (si racconta di come si sia infilata in un vertice a palazzo Chigi tra governo e parti sociali a cui non era stata inzialmente invitata, e poi non sia più andata via). Il miracolo della Polverini continua a dispiegare i suoi effetti ancora oggi, a sei mesi dal suo addio. A tenere le sorti della sigla vicina alla destra è Giovanni Centrella (nella foto), 45 anni, irpino doc, ex responsabile per i metalmeccanici, uomo di fiducia de